menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La panchina rossa di Castel San Giorgio

La panchina rossa di Castel San Giorgio

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: le iniziative in provincia

La giornata, istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 99, sta diventando, ogni anno di più, un'occasione per ricordare che la violenza di genere ed il femminicidio sono ancora due delle piaghe peggiori che affliggono la nostra società

Si sono moltiplicate in tutta la provincia le manifestazioni in onore della Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne. La giornata, istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 99, sta diventando, ogni anno di più, un'occasione per ricordare che la violenza di genere ed il femminicidio sono ancora due delle piaghe peggiori che affliggono la nostra società.

Castel San Giorgio

A Castel San Giorgio la sindaca Paola Lanzara ha voluto, in occasione della ricorrenza, inaugurare una panchina rossa simbolo della lotto contro i femminicidi e la violenza di genere. "Anche se il momento che stiamo vivendo è molto complicato, la drammaticità del fenomeno ci impegna come donne e come amministratrici pubbliche a dare il massimo nell’opera di sensibilizzazione - ha spiegato la sindaca Lanzara - L’emergenza generata dall’epidemia di coronavirus ha accresciuto il rischio di violenza sulle donne, poiché molto spesso la violenza avviene dentro la famiglia. Le disposizioni normative in materia di distanziamento sociale introdotte al fine di contenere il contagio si sono rivelate, inoltre, un elemento che ostacola l’accoglienza delle vittime. C'è bisogno di ripartire, quanto prima, per contrastare un fenomeno che vede le donne soccombere rispetto alla forza dei muscoli e che non tiene conto della forza della ragione. Questa panchina vuole essere un monito e un simbolo ed è merito di tutta la mia maggioranza, in primis dell'assessore Giustina Galluzzo che è delegata alle Pari opportunità".

Il fenomeno del contrasto alla violenza contro le donne è stato affrontato da sempre come una priorità dall'amministrazione comunale sangiorgese. "Negli anni scorsi abbiamo realizzato uno sportello che ha funzioni di guida e di supporto - ha detto l'assessore comunale alle Pari opportunità, Giustina Galluzzo - Siamo la città che nell’Agro ha espresso il primo sindaco donna e dobbiamo caratterizzarci per una maggiore sensibilità. Non è stato possibile, vista l'emergenza epidemiologica organizzare  manifestazioni collegate a  questo tema, ma è utile ricordare a tutti quanto fatto negli anni precedenti anche grazie ai dirigenti scolastici delle due autonomie di Castel San Giorgio, Clotilde Franco e Rosalba Da Ponte la dottoressa Assunta di Nunzio e le responsabili dello sportello La Mano Tesa con cui abbiamo organizzato più convegni e soprattutto grazie a tutte le donne appartenenti alla mia maggioranza, con cui unitamente voglio lanciare un messaggio, un messaggio di aiuto e di difesa a tutte le donne vittime di violenza, noi ci siamo, siamo qui pronte a tendervi una mano. Non abbiate paura".

Agropoli

Ad Agopoli, invece, la casa comunale si è illuminata di rosso per dire no alla violenza sulle donne. "I numeri relativi agli atti di violenza – ha spiegato il sindaco Adamo Coppola - a tutt’oggi sono impressionanti: i report dicono che nel 2019 ogni giorno sono state 88 le donne vittime di violenza. E nei primi dieci mesi del 2020 le donne vittime di omicidio sono state 91, una ogni tre giorni. Durante il lockdown le chiamate al 1522 (numero antiviolenza e stalking) sono aumentate del 73%. Nel nostro Comune stiamo facendo tanto con l’assessorato alle Politiche sociali per respingere con forza ogni tipo di violenza".

"Siamo molto lontani, purtroppo – ha dichiarato l’assessore alle Politiche sociali, Vanna D’Arienzo – dall’eliminare il fenomeno della violenza sulle donne, come dimostrano i dati sulle violenze che ogni giorno vedono vittime le donne nel mondo, però noi ci siamo e cerchiamo di fare il possibile per arginare il problema. La rete dei servizi territoriali già da anni è in campo, mettendo a disposizione dell’utenza, professionisti con competenze idonee. Ad Agropoli è attivo il Centro Antiviolenza Il volo delle farfalle in Piazza della Repubblica, presso gli uffici del Segretariato sociale, aperto il martedì e il venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e il giovedì dalle 15.00 alle 17.00. Inoltre gli operatori del Segretariato sociale, per tale utenza, sono a disposizione anche tutte le mattine, dal lunedì al venerdì. Con l’impegno di tutti, i risultati possono arrivare".

Nocera Inferiore

Sono diverse le iniziative organizzate dall'Amministrazione Comunale di Nocera Inferiore. La  consigliera comunale Manuela Citarella, presidente delle Commissioni Pari Opportunità e delle Politiche Sociali del Comune di Nocera Inferiore, ha illustrato le iniziative promosse dall’amministrazione Torquato in programma: "In un momento in cui non è  possibile riunirci insieme fisicamente, la nostra casa comunale sarà illuminata di rosso come già abbiamo fatto nei due anni precedenti. Poi depositeremo un fascio di fiori sulla panchina dedicata al contrasto alla violenza di genere, come simbolo per esprimere la nostra condanna collettiva alla  violenza contro le donne. La situazione sanitaria legata alla pandemia da coronavirus - ha continuato - purtroppo ha imposto quest’anno  di rinviare le iniziative che, solitamente organizziamo  con la partecipazione  delle associazioni impegnate sul territorio".

La Consigliera ha aggiunto  la sua riflessione: "La violenza di genere è un abisso fatto di migliaia di forme e sfaccettature in cui nessuna donna dovrebbe mai finire. Basta pensare all'aumento degli episodi di violenza verificatosi durante il lockdown .Il covid ha favorito la violenza domestica. Secondo i dati Istat durante il lockdown della scorsa primavera sono state 5.031 le telefonate valide al 1522, il numero verde attivo 24 ore su 24 per le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking, il 73% in più sullo stesso periodo del 2019.È  un dovere non far passar in silenzio tutto questo e mantenere viva l'attenzione su questo dramma che è  la violenza di genere. La violenza contro le donne non si ferma e neppure la nostra denuncia deve fermarsi".

Anche il sindaco Torquato ha voluto mandare un messaggio in occasione della giornata contro la violenza sulle donne: "Una società civile ha l’obbligo di promuovere la cultura del rispetto e condannare sempre la violenza di genere ed ogni violenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento