rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità Capaccio

Crisi in Kazakistan, il racconto del salernitano Pasquale Caprino: "E' casa mia, mi piange il cuore"

La rivolta scoppiata per l'aumento dei prezzi sul consumo del gas energetico, spiega il cantante soprannominato Son Pascal, si è innestata su tensioni sociali sorte negli anni scorsi

"Il Kazakistan è casa mia ed è una parte importante di me. E' una situazione che mi fa piangere il cuore e che ci preoccupa molto". A parlare all'Adnkronos è Son Pascal, nome d'arte di Pasquale Caprino, cantante italiano originario di Capaccio Paestum, famosissimo in Kazakistan, dove ha vissuto circa 10 anni e dove ha sfondato con una canzone-parodia di "Englishman in New York" di Sting, ribattezzata "Englishman in Shymkent" dal nome di una città del sud del paese. Da alcuni mesi si è trasferito con la moglie kazaka a Dubai ma segue con apprensione gli sviluppi delle vicende che stanno infiammando il Kazakistan attraverso le fonti ufficiali, fonti indipendenti e la testimonianza diretta di amici e parenti che vivono in prima persona gli eventi. "Siamo molto preoccupati - spiega - per fortuna molti dei miei amici italiani che vivono lì sono tornati a casa per le feste, ma chi è rimasto parla di una situazione dopo le 11 di sera, quando scatta il coprifuoco, che è di guerra. E' assurdo pensare a una città come Almaty, dove non ho mai avuto problemi di sicurezza, e vedere ora molti posti che conoscevo, ristoranti nei quali andavo a cena, completamente distrutti. Era una città dove non c'era alcun problema e di punto in bianco c'è la guerra, si parla addirittura di decapitazioni". 

Il racconto 

La rivolta scoppiata per l'aumento dei prezzi sul consumo del gas energetico, spiega il cantante salernitano, si è innestata su tensioni sociali sorte negli anni scorsi: "Da quando nel 2012 ho iniziato a vivere lì - racconta - c'è stata un'urbanizzazione selvaggia ad Almaty, con tante differenze sorte tra la medio-bassa borghesia che ha una storia e un retaggio sovietico e i nuovi arrivati che vengono dalle campagne, dai villaggi o dalle nazioni vicine. A questo si aggiunge il fatto che il presidente del Kazakistan  parlato di possibili cellule terroristiche che hanno soffiato sulla rivolta per farla degenerare e creare scompiglio, nonostante molte richieste dei lavoratori siano state accolte. E' una situazione delicata ed è difficile pensare che si possa risolvere presto". Pur essendosi trasferito a Dubai, Son Pascal guarda sempre con affetto al Kazakistan: "E' un Paese bellissimo, lo sono gli abitanti, lo è la natura. E' un posto stupendo, ci torno ancora ogni mese per tenere concerti, è un Paese che non fa rima con gli altri 'stan' dell'area. Quella che si è creata è una situazione che non sa assolutamente di Kazakistan. Speriamo di poterci tornare presto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi in Kazakistan, il racconto del salernitano Pasquale Caprino: "E' casa mia, mi piange il cuore"

SalernoToday è in caricamento