Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Piantedosi e Sangiuliano: ecco i due ministri campani del Governo Meloni

Entrambi tecnici (non iscritti ad alcun partito di centrodestra) hanno avuto legami con l'Università degli Studi di Salerno

Sono due i ministri campani che faranno parte del Governo presieduto da Giorgia Meloni. Si tratta dell’attuale prefetto di Roma Matteo Piantedosi (Interno) e del direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano (Beni Culturali).

Chi è Piantedosi

Matteo Piantedosi, nato a Napoli ma originario di Pietrastornina (Avellino), ha 59 anni, è sposato e ha due figlie. Laureato in Giurisprudenza all’Università di Salerno e abilitato all'esercizio della professione forense, è per otto anni Capo di Gabinetto della Prefettura di Bologna. Nel febbraio 2007 è nominato viceprefetto vicario nella stessa Prefettura fino al 2009, quando è chiamato al ministero dell'Interno a dirigere l'Ufficio Relazioni Parlamentari presso l'Ufficio Affari Legislativi e Relazioni Parlamentari.Nel 2011 ottiene l'incarico di Capo Gabinetto del Capo Dipartimento per le Politiche del Personale dell'Amministrazione Civile e per le Risorse Strumentali e Finanziarie. Nominato Prefetto il 3 agosto 2011, è destinato a Lodi. Dal gennaio 2012 è vice Capo di Gabinetto del ministro dell'Interno e, dal giugno 2012, vice Capo di Gabinetto Vicario.Il Consiglio dei ministri, il 16 novembre 2012, lo nomina vicedirettore generale della Pubblica Sicurezza per l'attività di Coordinamento e pianificazione delle forze di polizia. Dall'aprile 2014 fino al maggio 2017 è Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale "Sicurezza per lo Sviluppo-Obiettivo Convergenza 2007/2013", del Programma Operativo Nazionale "Legalità 2014/2020" e del Programma Operativo Complementare per la Programmazione 2014/2020, e anche Autorità Responsabile del "Fondo Europeo per le Frontiere Esterne 2007/2013" e del "Fondo Sicurezza Interna 2014/2020". Ha presieduto la Commissione Consultiva per l'attuazione del servizio del Numero Unico di emergenza Europeo secondo il modello della Centrale unica di risposta nel territorio nazionale. Dal 15 maggio 2017 al 10 giugno 2018 ricppre l'incarico di Prefetto di Bologna. L'11 giugno 2018 è nominato Capo di Gabinetto del ministro dell'Interno. Dal 17 agosto 2020 è prefetto di Roma.

Chi è Sangiuliano

Gennaro Sangiuliano, nato a Napoli 62 anni fa, succede a Dario Franceschini alla guida del dicastero e scavalca la candidatura di Giordano Bruno Guerri, che sembrava in pole. Studi classici, laurea in Giurisprudenza e dottorato di ricerca in Diritto ed Economia all'Università degli Studi di Napoli Federico II, master in Diritto Privato Europeo presso l'Università di Roma, Sangiuliano dal 2015 ricopre la carica di direttore della scuola di Giornalismo dell'Università degli Studi di Salerno. E' anche docente del Master in Giornalismo e Comunicazione della Università telematica "Pegaso". Sangiuliano è sempre stato vicino agli ambienti del centrodestra: da giovanissimo ha fatto parte del Fronte della Gioventù, dal 1983 al 1987 è stato consigliere circoscrizionale del Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale nel quartiere Soccavo di Napoli. Ad aprile scorso ha partecipato alla Convention milanese di Fratelli d'Italia e a settembre alla Festa della Lega. E' stato direttore del quotidiano Roma di Napoli dal 1996 al 2001 e vicedirettore del quotidiano Libero durante la direzione di Vittorio Feltri. Entrato in Rai nel 2003 come inviato del TgR, è diventato caporedattore e poi è passato al Tg1, è stato inviato in Bosnia, Kosovo e in Afghanistan. Al Tg2 è approdato il 31 ottobre 2018 quando viene nominato dal Cda della Rai, su proposta dell'amministratore delegato Fabrizio Salini, nuovo direttore del TG2, succedendo a Ida Colucci. Sangiuliano è molto riservato sulla sua vita privata. E' sposato con una collega giornalista, Federica Corsini.

Gennaro Sangiuliano ministro della Cultura-2-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piantedosi e Sangiuliano: ecco i due ministri campani del Governo Meloni
SalernoToday è in caricamento