menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme smog, bocciate anche Salerno e Nocera Inferiore: il dossier di Legambiente

A dimostrarlo sono i nuovi dati raccolti nel report Mal'aria, nel quale l'associazione ambientalista ha stilato una "pagella" sulla qualità dell'aria delle 97 città italiane sulla base degli ultimi cinque anni

Tutte sotto la sufficiente per la qualità dell'aria le cinque città della Campania: la “meno peggio” è Avellino che, nella classifica di Mal'aria, edizione speciale, messa a punto da Legambiente, ha 4 in pagella (su una sala di voti da 1 a 10). Seguono Benevento, Caserta, Salerno e Napoli il cui voto è 3. Non tira dunque una buona aria nelle cinque citta' capoluogo di provincia della Campania. 

Il dossier 

A dimostrarlo sono i nuovi dati raccolti da Legambiente nel report Mal'aria, nel quale l'associazione ambientalista ha stilato una "pagella" sulla qualità dell'aria delle 97 città italiane sulla base degli ultimi cinque anni - dal 2014 al 2018 - confrontando le concentrazioni medie annue delle polveri sottili (Pm10, Pm2,5) e del biossido di azoto (NO2) con i rispettivi limiti medi annui suggeriti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): La maggior parte delle città campane sconta il mancato rispetto negli anni soprattutto del limite suggerito per il Pm2,5 e in molti casi anche per il Pm10. In particolare Napoli e Benevento nei cinque anni presi in esame hanno sempre superato i limiti previsti dall'OMS per le polveri sottili (Pm10 e Pm2,5) mentre Caserta ha superato sempre i valori di Pm10 nei cinque anni. Le città campane si salvano solo grazie al fatto che sono riuscite a rispettare il limite previsto dall'OMS per il biossido di azoto (NO2). In particolare Avellino e Benevento non hanno mai sforato , mentre Napoli e Caserta una sola volta e Salerno due volte . Lo smog colpisce soprattutto la Provincia di Napoli: secondo i dati dell'Arpac elaborati da Legambiente, ad oggi maglia nera a Volla con ben 80 sforamenti seguita da San Vitaliano con 67 sforamenti, segue Pomigliano D'Arco dove i giorni di superamento sono stati 51, Acerra con 47, Nocera Inferiore con 45 sforamenti. Chiude Aversa con 38 sforamenti. Non è migliore l'aria nelle città capoluogo dove a superare la soglia di polveri sottili consentita per legge sono Avellino con 52 sforamenti e Napoli con 36 centralina di Via Argine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento