rotate-mobile
Attualità

Ucraina, De Luca: "Preoccupati ma non ho riempito la dispensa". E sul Covid: "Aumentano i ricoveri"

Il governatore a tutto campo sulle conseguenze della guerra e sull'incremento degli ingressi nelle terapie intensive degli ospedali

"Stiamo tranquilli e calmi, lo dico alle persone che si riempiono la dispensa. Io comunque, non ho riempito nulla". Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca a margine dell'inaugurazione della mostra "Pianeta Pandemia. Storie virali di contagi e rimedi", commentando gli scaffali vuoti dei supermercati per paura di conseguenze in Italia della guerra tra Russia e Ucraina. "C'è un'onda di preoccupazione - ha aggiunto - anche sull'aumento dei prezzi, penso alla benzina che arriva a due euro e mezzo al litro. Poi senti in tv che la Russia blocca l'esportazione di grano fino a fine agosto e gli effetti della guerra arrivano alla fornitura della materia prima. Tutto questo crea un'onda di preoccupazione che fino a oggi non c’è, ma se si bloccano i trasporti su gomma, ci saranno problemi. Ho sentito sulla benzina le dichiarazioni del ministro Cingolani che parla di problemi di speculazione, allora combattiamoli, perchè su barbarie e sciacallaggio nell'usare momenti di crisi per speculare sui prezzi bisogna essere rigorosi e intransigenti". 

L’emergenza Covid

Il presidente della Giunta Regionale si è soffermato anche sull’aumento dei ricoveri negli ospedali: "Dobbiamo fare attenzione perché sono già 3-4 giorni che registriamo un aumento di ingressi nelle terapie intensive. Dobbiamo stare attenti perché andiamo verso una riapertura delle attività, com'è giusto che sia, e poi dobbiamo avere una prudenza in più perché arriveranno migliaia di profughi dall'Ucraina che abbiamo il dovere di accogliere, ma con controlli adeguati per evitare la diffusione di contagio covid incontrollato" ha concluso De Luca. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucraina, De Luca: "Preoccupati ma non ho riempito la dispensa". E sul Covid: "Aumentano i ricoveri"

SalernoToday è in caricamento