rotate-mobile
Attualità

De Luca chiude la campagna elettorale: "Gli esponenti di destra? Squinternati"

"Gli esponenti della destra sono degli squinternati". Vincenzo De Luca, nella consueta diretta social del venerdì, ha concluso la "sua" campagna elettorale, non lesinando attacchi nei confronti delle varie forze in campo

"Gli esponenti della destra sono degli squinternati". Vincenzo De Luca, nella consueta diretta social del venerdì, ha concluso la "sua" campagna elettorale, non lesinando attacchi nei confronti delle varie forze in campo.

Meloni

"Quello che ha detto Meloni a Caserta sula sanità campana è vergognoso" ha affermato De Luca: "Ha ribadito che la sua posizione sulla vaccinazione è che ognuno può fare quello che vuole. Con questa strada avremmo avuto migliaia di morti in più. Vuole riformare lo Stato da sola? Parliamo della struttura democratica del paese non si puo' usare demagogia. Almeno è uscita al naturale con il suo volto vero".

Calenda e Conte

Duro anche il commento di De Luca su Calenda e Conte. "Calenda non ha voluto dare vita a una coalzione di centrosinistra perché non voleva stare con chi non condivideva posizioni nette e ora dice che dopo le elezioni dobbiamo stare insieme tutti quanti. Conte? Da parte sua trasformismo e truffa mediatica. I 5 stelle hanno governato per quattro anni con la Lega, il Pd, Forza Italia e per tre anni il presidente era lui. Ora vedo Conte girare per l'Italia come un turista, uno che è capitato qui per caso. È stato forza principale di Governo e parla come se fosse un martire. Fino a tre mesi fa ha votato tutti i provvedimenti del governo Draghi". Immancabile il riferimento al Reddito di Cittadinanza, definito "una truffa politico-mediatica". "Era stata presentata come una misura per avviare a lavoro i giovani, poi ci hanno raccontato che è una misura di contrasto alla povertà e quella misura esisteva già ed è il Reddito di Inclusione che andava rafforzata dopo il Covid. Conte non ha inventato nulla. Bisogna dire cose chiare, ma regalare uno stipendio a chi non ha voglia di lavorare è un'altra cosa".

Letta e Berlusconi

Il governatore ha parlato anche del segretario Pd, Enrico Letta, riconoscendogli il merito "di aver accolto il piano per il lavoro. "Letta non è una figura effervescente che crea brividi di entusiasmo, ma mi accontento di un esponente politico serio, competente e che non racconta 'palle'". Infine, una battuta su Silvio Berlusconi: "Ha una sua età. Con lui bisogna essere caritatevoli, tolleranti e cristiani". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca chiude la campagna elettorale: "Gli esponenti di destra? Squinternati"

SalernoToday è in caricamento