rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Salute Pastena / Lungomare Cristoforo Colombo

Premio alla Ricerca scientifica e all'Impegno sanitario e sociale: i vincitori dell'edizione 2021

L'Associazione Angela Serra di Salerno proclama i vincitori 2021 dei premi alla Ricerca scientifica e all'Impegno sanitario e sociale

Tutto pronto per il ritorno dei premi alla Ricerca scientifica Francesca Mancuso (XVI Edizione) ed all'Impegno sanitario e sociale in campo oncologico Roberta Migliorati (VI Edizione), entrambi istituiti dall'Associazione Angela Serra – Sezione Salerno Luana Basile. L'associazione, infatti, dopo lo stop dello scorso anno a causa della pandemia, ha organizzato per sabato 4 dicembre la cerimonia di conferimento dei due prestigiosi premi. La cerimonia di premiazione, aperta al pubblico ma soggetta alle limitazioni imposte dalla pandemia, avrà luogo presso l'Hotel Polo Nautico (via Lungomare Colombo, 132), dalle ore 17 alle 20 circa.

Il commento

"I premi sono un momento molto importante nella vita dell'Associazione e siamo veramente felici di tornare a conferirli - ha commentato Arturo Iannelli, responsabile dell'Angela Serra – Sezione Salerno - La vita va avanti ed è fondamentale che 'vadano avanti' anche la ricerca scientifica e l'impegno sociale, i principi guida del nostro operato. Da sempre, infatti, l'Associazione punta a promuovere la ricerca e ad avvicinare la scienza a chi scienziato non è, diffondendo la cultura della salute e della prevenzione, con l'impegno, il servizio e il volontariato".

I premi

A Massimo Rugge il premio Mancuso 2021

È Massimo Rugge, professore emerito di Anatomia Patologica all'Università degli Studi di Padova e direttore scientifico del Registro Tumori del Veneto, il vincitore del premio Mancuso. E sarà proprio lui a tenere la lectio magistralis L'importanza dei Registri Tumori di Popolazione, in cui appunto approfondirà come e perché è fondamentale tenere traccia dell'incidenza e delle variazioni delle malattie oncologiche. L'alto livello culturale e scientifico dei vincitori è da sempre un tratto distintivo del premio Francesca Mancuso, nato nel 2005 e dedicato alla memoria di una giovane donna e mamma scomparsa per un tumore gastrico. Nelle edizioni precedenti, il premio è stato conferito a personaggi illustri della medicina, quali (tra gli altri) Salvatore Venuta, Franco Berrino, Lucio Luzzatto, Sylvie Menard e Bruno Rotoli, Armando Santoro, Luca Gianni, Michele Mirabella e Andrea Pession, Forunato Ciardiello, Raffello Cossu, Giuseppe Cinalli, Anna Villarini, Michael Meignan, Prospero Ghia e Giampaolo Tortora.

La figura di Roberta Migliorati, primaria di oncologia pediatrica all'A.O.R.N. Santobono-Pausilipon prematuramente mancata, è invece ispiratrice del Premio all'Impegno sanitario e sociale in campo oncologico, istituito nel 2015. Come da tradizione, il vincitore del “Roberta Migliorati” verrà annunciato nel corso della cerimonia.

La cerimonia

Ad aprire l'evento, moderato dal giornalista Lazzaro Romano, le autorità invitate per un saluto: Francesco Picarone (presidente della Seconda commissione Bilancio della Regione Campania), Vincenzo Napoli (sindaco di Salerno), Francesco Coralluzzo (parroco della parrocchia del Volto Santo), Mario Iervolino (direttore generale ASL Salerno), Silvio Laterza (Presidente Fondazione Angela Serra), Francesco Russo (prefetto di Salerno), Vincenzo D'Amato (direttore generale AOU “OO.RR San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona”, Gianluca Trombetti (colonnello Comando Provinciale Carabinieri Salerno).
Partecipano inoltre alla cerimonia Lucia Mangone, responsabile Registro Tumori, Azienda USL-IRCCS Reggio-Emilia, e i “padroni di casa” Arturo Iannelli e Massimo Federico, presidente Associazione Angela Serra per la ricerca sul cancro. Nel rispetto delle norme anti-Covid, i posti sono limitati (ma chi lo desidera si può prenotare alla mail angelaserrasalerno@gmail.com) e non ci sarà il tradizionale rinfresco. Per chi volesse comunque lasciare una donazione può rivolgersi direttamente alla Segreteria dell’Associazione. “L'Associazione è molto attiva a sostegno dei malati e delle loro famiglie – dice ancora Iannelli -. Ci sono tanti progetti da sostenere e c'è tantissimo lavoro da fare. Solo con l'impegno di tutti, tutti i giorni e un passo alla volta, si può fare la differenza, come nella ricerca”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Premio alla Ricerca scientifica e all'Impegno sanitario e sociale: i vincitori dell'edizione 2021

SalernoToday è in caricamento