rotate-mobile
Salute

Sottoposti a trapianti di cornea a Salerno: due settantenni tornano a vedere

Gli interventi sono stati effettuati dal dottor Annibale Del Re

I due pazienti uno di Benevento, l’altro di Capaccio recuperano il prezioso senso della vista. Erano destinati alla cecità, ma grazie ai delicati interventi di trapianto di cornea, eseguiti dal dottor Annibale Del Re, presso il suo Centro a Salerno, hanno potuto emergere dal “buio” a cui erano condannati dalle loro patologie. Il primo paziente soffriva di Cheratopatia bollosa, il secondo di scompenso corneale. In pratica la cornea era quindi completamente opaca, cosa che non si verifica per altre malattie della vista , come per esempio il cheratocono dove viene trapiantata solo la parte superficiale della cornea malata.

Le operazioni

“Il trapianto di cornea è un intervento di microchirurgia, eseguito con l'aiuto di un microscopio operatorio ad altissima risoluzione. Il chirurgo rimuove la parte centrale della cornea malata e la sostituisce con la cornea sana di un donatore. Questi due interventi durano circa quaranta minuti in anestesia locale. Dopo una osservazione di circa un' ora il paziente può tornare a casa. Verranno effettuati i dovuti controlli post intervento illustra il dottor Annibale Del Re, titolare del COD, Centro Oculistico Del Re, che è tra le poche strutture specializzate di Salerno e provincia ad effettuare i trapianti di cornea, per i quali ci sono liste di attesa molto lunghe di quasi due anni.
“ll nostro Centro è registrato alla Banca della Cornea, avendo tutti i requisiti richiesti, compreso quello della specifica professionalità del personale. Siamo iscritti alla banca di Lucca e di Mestre che sono tra le migliori in Italia per il numero e la selezione delle cornee in dotazione. Ogni cornea ha la scheda tecnica del donatore e viene selezionata ed anche “lavorata “per adattarla al ricevente, perché oggi si può trapiantare anche una parte della cornea stessa, riducendo i rischi di rigetto. I donatori devono essere sani. Inoltre viene data una cura particolare anche per il trasporto di questi organi, in piena sicurezza ed in tempi rapidi, dalla richiesta alla consegna.
Solo pochi anni fa - aggiunge Del Re - il trapianto di cornea era sinonimo di "cheratoplastica perforante", intervento in cui viene sostituito l'intero spessore della cornea. Oggi sono sempre più frequenti gli interventi di cheratoplastica lamellare anteriore o posteriore, che prevedono cioè la sostituzione solo della parte anteriore o posteriore della cornea, a seconda delle differenti patologie che colpiscono l'occhio e delle esigenze chirurgiche.
Nel nostro Centro abbiamo trapiantato le cornee intere ai due riceventi che erano destinati alla cecità. L’intervento è durato circa 40 minuti ed i pazienti hanno fatto subito rientri a casa, felici di poter tornare, dopo un post operatorio in cui hanno effettuato una semplice terapia farmacologica, “a riveder le stelle”, ovvero recuperare uno dei sensi più importanti per ogni essere umano:la vista, il bene più prezioso" conclude Del Re. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sottoposti a trapianti di cornea a Salerno: due settantenni tornano a vedere

SalernoToday è in caricamento