L'impatto dell'emergenza Covid sulla salute psicologica: lo studio nella nostra provincia

Un team di psicologi, formato da Dominique D’Ambrosi, Raffaella Marciano, Adelaide Paolucci, Pietro Crescenzo, Ivana Ferrara ed Assunta Maiorino ha voluto analizzare le problematiche psicologiche tramite il progetto "Sostegno Psicologico #iorestoacasa"

Quali sono stati gli impatti sulla salute psicologica dell'emergenza Covid-19 e del primo lockdown? Una risposta in merito viene data da Salerno dove un team di psicologi, formato da Dominique D’Ambrosi, Raffaella Marciano, Adelaide Paolucci, Pietro Crescenzo, Ivana Ferrara ed Assunta Maiorino ha voluto analizzare le problematiche psicologiche tramite il progetto Sostegno Psicologico #iorestoacasa.

Da quest'esperienza è stato tratto un articolo sulla prestigiosa rivisita scientifica Journal of Psychosocial Systems.

Lo studio

Lo studio nasce dalla volontà di esporre ed analizzare i dati del servizio di sostegno psicologico gratuito offerto da un gruppo di psicologi durante la fase 1 del lockdown, principalmente nella provincia di Salerno. Una task force di specialisti ha definito il protocollo a cui hanno aderito 40 psicologi, con l’obiettivo principale di offrire un supporto alla popolazione. Il protocollo prevedeva la richiesta delle informazioni demografiche principali (età più provenienza) ed un colloquio di 30 minuti di rinforzo delle strategie di coping. Al termine della prestazione erogata, ogni psicologo ha annotato su un foglio elettronico condiviso i sintomi emersi dal colloquio avvenuto in forma telematica. I risultati evidenziano una richiesta di sostegno per problematiche ansiose e dell’umore, oltre a slatentizzazione di problematiche psichiche preesistenti, a cui si sono aggiunte in un secondo periodo problematiche relazionali, senso di solitudine. I sintomi manifestati trovano spiegazione nel modello proposto da Selye nella gestione dello stress (la Sindrome Generale di Adattamento) e nella teoriapolivagale di Porgescon l’assenza dellapercezione di sicurezza personale ed interpersonale. Il presente studio descrittivo ha mostrato come l’isolamento in casa abbia amplificato le difficoltà di convivenza (maggiormente esperite dal sesso femminile),le problematiche psichiche preesistentie la percezione di solitudine individuale e vuoto sociale. È altamente probabileche l’emergenza abbia destabilizzato coloro che già vivevano situazioni di fragilità emotiva pregressa individuale e familiare. L’isolamento sociale forzato, l’impossibilità di rintracciare segnali di sicurezza all’interno delle relazioni sociali, impattano negativamente sulla stabilità psichica della popolazione.

L'articolo è consultabile a questo link>>>L'ipatto psicologico del Covid-19 sulla popolazione

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento