rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Chef for Passion

Opinioni

Chef for Passion

A cura di Carmen Saviano e Raffaele Rossi

" Determinati, tenaci, con una grande passione comune: la buona cucina. Insieme, hanno dato vita alla prima scuola di arte culinaria made in Salerno che nel week-end diventa anche ristorante. L'attività prende nome proprio dalla definizione che li accomuna: ""Chef for passion"". Laureata in Economia la prima, chef il secondo, Carmen e Raffaele sono pronti a far leccare i baffi ai nostri lettori. Le ricette, son servite. "

Chef for passion Amalfi

Scialatielli all’amalfitana, il buono di essere campani

Quando si è in costiera amalfitana, non si può fare a meno di lasciarsi tentare dalla bontà di un piatto tipico campano, e nello specifico caratteristico di Amalfi, ovvero gli scialatielli all’amalfitana

Quando si fa un giro in costiera amalfitana e ci si ferma a mangiare in uno dei tanti ristoranti o trattorie di mare della divina costa, non si può fare a meno di lasciarsi tentare dalla bontà di un piatto tipico campano, e nello specifico caratteristico di Amalfi, ovvero gli scialatielli all’amalfitana
Il nome di scialatielli deriva da due termini dialettali, ovvero ‘scialare’ che significa godere, e tiella, che indica la padella. Rispetto agli spaghetti tradizionali, gli scialatielli sono un po’ più larghi e un po’ più corti e presentano una forma irregolare, ma sono infinitamente buoni. Sembra che le origini di questo piatto, entrato di diritto nella tradizione culinaria campana e oggi apprezzato da autoctoni e turisti, risalgano al 1978 quando l’unione della pasta fatta in casa e dei frutti di mare fu ‘consacrata’ dallo chef Enrico Cosentino. Oltre ad appagare il palato, questo primo piatto verace è una vera goduria anche per gli occhi: ecco a voi la ricetta della pasta più nota di Amalfi.
Come preparare gli scialatielli all’amalfitana:
Ingredienti per la pasta: 400 gr farina, 100 gr di latte, 3 foglie di basilico, 3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva, sale, pepe e formaggio grattugiato quanto basta.
Ingredienti per il condimento: 600 g. di vongole veraci, tartufi e cozze, 150 g di gamberetti sgusciati, 250 g di seppioline, 250 g. di pomodorini piennolo, 20 g. di olive verdi e capperi, un filo d‘olio,2-3 spicchi d’aglio e abbondante prezzemolo.


Ponete la farina sul piano di lavoro, aggiungete pian piano il latte e iniziate a impastare, quindi versate anche l’olio, il basilico prima tritato finemente, il formaggio grattugiato, il pepe e poco sale. Una volta formato un panetto, lasciate riposare per 30 minuti, dopo di che stendete la pasta e tagliatela a striscioline che farete bollire in abbondate acqua salata su fuoco medio. Nel frattempo, in una 'tiella' fate soffriggere l’aglio tritato con un po’ di olio finché non si rosola un po’, quindi versate nella padella i frutti i mare, le seppie, i gamberi e i pomodorini e lasciate cuocere il tutto per circa 5 minuti, aggiungendo anche capperi e olive. Una volta pronti, scolate gli scialatielli al dente e versateli poi nella padella con i frutti di mare, fate cuocere tutto insieme in modo che la pasta assorba il sapore dei frutti di mare per circa 2-3 minuti e togliete dal fuoco. Spolverate il tutto con il prezzemolo e servite.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scialatielli all’amalfitana, il buono di essere campani

SalernoToday è in caricamento