Gnocchi con salsiccia, crema di asparagi e fonduta di caciocavallo al tartufo: la ricetta

Un piatto unico, da preparare per il pranzo di una domenica primaverile

Il caciocavallo al tartufo è un formaggio, ma vi assicuro che Tufieno è un signor Caciocavallo. Ho incominciato ad affinare formaggi per gioco e poi  per necessità. Il primo formaggio è stato una pasta filata farcita di tartufo fresco, ma con il tempo la ricetta è cambiata. Il cacio è lavorato in caseificio con emulsione di tartufo e poi riposa in cantina in botti di rovere e avvolto da fieno. Vi resta per almeno 4 mesi e dopodichè è pronto per preparaVi questa fantastica ricetta.

Ingredienti per 4pax:

400gr di farina

200ml di acqua

200gr di salsiccia fresca

200gr di asparagi

aglio

sale

olio

250gr di Tufieno

400gr di panna

30gr di burro

20gr di farina

Procedimento:

Con 200ml di acqua tiepida incominciate ad impastare la farina fino ad ottenere un impasto ne morbido, ne appiccicoso e dopo averlo avvolto in uno straccio, lo lasciate riposare per almeno 15 minuti. Trascorso il tempo per il riposo, formate dei grissini di circa un centimetro e taglate i pezzi della dimensione di un pollice. A questo punto ogni pezzo lo tirate con l'indice come per formare una conchiglia, mettete su un ripiano spolverando con un po di farina e coprite.

In una padella mettete ad imbiondire l'aglio con l'olio e poi aggiungete la salsiccia fatta a pezzettini molto molto piccoli. Intanto lessate gli asparagi per qualche minuto in acqua salata, scolate e frullate con un po della loro acqua di cottura. Fatto questo versate la crema nella padella insieme alla salsiccia e ricordate di tenere da parte qualche cima degli asparagi, tagliandole a listarelle per guarnire il piatto.

In una casseruola alta, fate sciogliere il burro a fiamma lenta e aggiungete la farina senza fare grumi. Versate la panna e continuando a mescolare, aggiungete il caciocavallo che avrete grattugiato in precedenza, fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.

Quando la pasta sarà quasi al termine della cottura, scolate e versatela con mezzo bicchiere della sua acqua nella padella con la salsiccia. Lasciate asciugare per qualche minuto e dopo aver versato nel piatto un mestolo della fonduta, adagiate gli gnocchi, aggiungendo le cime che avete conservato, un filo d'olio e se vi va del tartufo fresco...e poi non mi telefonate perchè volete il Tufieno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Covid-19: situazione drammatica al Ruggi, anziana in gravissime condizioni

  • Covid-19: altri 3 contagi a San Mango, nuovi casi a San Severino, Sarno, Vibonati e Nocera

  • Covid-19: contagi in diminuzione in Campania, l'analisi dei dati

  • Covid-19: in Campania 2.677 contagi, 8 nuovi positivi a Salerno città

  • Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

Torna su
SalernoToday è in caricamento