Montanara con carciofi, crema di peperone dolce e Strafino: la Ricetta

Un tris di eccellenze per una montanara unica e sopratutto legata al territorio.

Ormai la conosciamo tutti la versione più contadina della pizza fritta napoletana, la Montanara. Si racconta che il nome derivi proprio dai contadini che Montanara, storia e ricetta dell'altra pizza fritta napoletana
erano soliti consumare, durante la pausa pranzo, panini farciti con pomodoro, basilico e formaggio. Oggi i maestri pizzaioli esaltano la ricetta classica guarnendola con prodotti di eccellenza e dando così vita a ricette uniche.

Angelo Paladino, maestro pizzaiolo, dopo aver girato tanto per perfezionarsi e conoscere, ha scommesso ed investito nella sua Terra, quella del Vallo di Diano, e precisamente a Sala Consilina, a due passi dalla Certosa di Padula. Addirittura per esprimere al massimo il suo senso di appartenenza, ha deciso di dare un nome unico al suo locale (Terra Mia), un posto dove poter passeggiare, grazie al gusto, in un territorio ricco di cultura, sapori, storia e tradizione.

E' qui nasce la una montanara guarnita/farcita con tre prodotti fortemente legati al territorio: crema di Peperone dolce di Teggiano, Carciofo bianco del Tanagro e Formaggio vaccino affinato da me medesimo...buffo ehhh.

Dosi per 5 montanarine

Preparare l'impasto la mattina con:

-500gr di farina di tipo 0
-320gr di acqua fresca
-15gr di sale fino
-2gr di lievito di birra fresco
 
Sciogliete il lievito nell'acqua e versate la farina, mescolando fino a quando il composto risulterà liscio ed omogeneo. A questo punto aggiungete il sale e lasciate riposare in una ciotola unta di olio per 2 ore per poi formare dei panetti di circa 150gr, che lieviteranno ben coperti fino a sera. Ora schiacciate il panetto aiutandovi con la farina e friggete in abbondante olio finché non sarà dorata; a questo punto ponetela su carta assorbente per eliminare l'olio in eccesso  e farcite con la crema di Peperone prima, due fette del nostro formaggio morbido Strafino dopo, ed infine con il  Carciofo bianco. Ora chiudete gli occhi ed immaginate la campagna, quella del Vallo di Diano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Booona, vero...?

Potrebbe interessarti: https://www.napolitoday.it/cucina/montanara-pizza-fritta-ricetta-storia.html

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

Torna su
SalernoToday è in caricamento