rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
GustaSalerno

GustaSalerno

A cura di gustasalerno

" Street Food, bontà del territorio e suggerimenti per i buongustai. E poi mete enogastronomiche, locali da non perdere, ricette innovative e tradizonali per far leccare i baffi a chi ama la buona tavola: questo e molto altro ancora per voi, con il nostro blog. Buon appetito e...""GustaSalerno"" "

"GustaSalerno" Roccapiemonte

Totale restyling e cambio di nome per la pizzeria di Antonio Polichetti a Roccapiemonte

Nel menu estivo che dà ancora più spazio alle eccellenze del territorio spiccano le nuovissime pizze Seppie nocerine (con provola, cipollotto nocerino brasato, tagliatelle di seppie, ventresca di tonno, crema di zucchine alla Nerano, basilico fresco e olio extravergine Cilento Dop) e Rosso fiume (con provola, crema di peperoncini verdi di fiume, tartare di gambero rosso, peperoncini verdi di fiume croccanti, maionese al limone di Sorrento, basilico fresco e olio extravergine Penisola sorrentina Dop), proposte rispettivamente in versione in pala e nel ruoto

Cambia look la pizzeria di Antonio Polichetti a Casali di Roccapiemonte che, in occasione della riapertura, ha scelto di cambiare anche il nome del locale in “Polichetti, esperienze di pizza”. Ben quattro, infatti, le tipologie di pizza proposte da Antonio: la tradizionale “Rotonda”, nel Ruoto, in Pala e Doppio crunch. Se per le pizze Classiche si può scegliere liberamente il tipo di impasto preferito tra i quattro disponibili,  nelle altre sezioni del menu, invece, sono proposti topping specifici per ogni tipologia di impasto.  Nel menu estivo che dà ancora più spazio alle eccellenze del territorio spiccano le nuovissime pizze Seppie nocerine (con provola, cipollotto nocerino brasato, tagliatelle di seppie, ventresca di tonno, crema di zucchine alla Nerano, basilico fresco e olio extravergine Cilento Dop) e Rosso fiume (con provola, crema di peperoncini verdi di fiume, tartare di gambero rosso, peperoncini verdi di fiume croccanti, maionese al limone di Sorrento, basilico fresco e olio extravergine Penisola sorrentina Dop), proposte rispettivamente in versione in pala e nel ruoto.  Tra le doppio crunch regina indiscussa è la Pizza di Scarole (con provola, scarola ripassata, scarola riccia marinata, alici del salernitano, maionese di olive caiazzane, pesto di pinoli e uva passa, basilico fresco e olio extravergine Cilento Dop) che aveva fatto il suo ingresso in carta già prima della chiusura per lavori. Nella sezione dessert, accanto ai leggerissimi lievitati (graffette, panettoni e colombe) di Antonio, si confermano i dolci artigianali realizzati dalla sorella Maria Luisa.   La Pizza di Polichetti è entrata con 2 spicchi nella Guida delle Pizzerie d’Italia 2024 del Gambero Rosso.

Pizza in ruoto - Rosso fiume

Antonio Polichetti

Antonio Polichetti, classe ‘95, muove i suoi primi passi nel variegato mondo delle farine all’età di 14 anni affiancando il papà Raffaele che gli ha trasmesso questa grande passione trasformatasi, poi, nel lavoro della vita.  Nel 2014 frequenta il corso di cucina presso la Gambero Rosso Academy dove affina le sue capacità grazie anche ai consigli di diversi professionisti del settore come Pasquale Palamaro, Peppe Guida e Francesco Sposito; forte di questa esperienza di cucina rivoluziona il suo percorso legato al mondo della pizza iniziato già nel 2006 con la nascita de ‘La pizza di Polichetti’. I confronti durante gli anni con vari grandi chef come Raffaele Vitale, Alfonso Crescenzo, Carlo Cracco e Antonio Battipaglia rendono Antonio sempre più sicuro e intraprendente. Questa consapevolezza fa sì che il suo locale diventi un po’ alla volta un punto di incontro tra tradizione e contemporaneità di prodotti e di impasti. L’attività di selezione degli ingredienti con cui Antonio realizza i topping è molto attenta e meticolosa e guarda molto al territorio. Grazie al suo mentore Francesco di Salvo, tecnico panificatore, già da molti anni Antonio porta avanti la sua produzione di lievitati artigianali.  A maggio 2024 il locale riapre dopo il restyling totale cambiando il nome in “Polichetti, esperienze di pizza”. Agli 85 coperti interni si aggiungono i circa 50 coperti esterni nel periodo estivo. L’accoglienza in sala è affidata a Claudia, mamma di Antonio.  

Fagottino di mortadella con ricotta mantecata in pastella e maionese di limone

Crostatina di pasta frolla con crema pasticciera, mousse ai lamponi e fragole-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Totale restyling e cambio di nome per la pizzeria di Antonio Polichetti a Roccapiemonte

SalernoToday è in caricamento