"GustaSalerno"

"GustaSalerno"

Com’è nata la Scazzetta di Pantaleone? La storia del dolce salernitano

Sapevate che Papa Giovanni Paolo II era goloso di scazzetta? Ve lo raccontiamo qui

Da sempre il dolce rappresentativo di Salerno per antonomasia, la scazzetta di Pantaleone è conosciuta da tutti i salernitani e non, ma pochi probabilmente conoscono da dove ne derivi la fama e la bontà. Tutti i salernitani sanno che per mangiare la scazzetta bisogna recarsi in un’unica pasticceria in via dei Mercanti  a Salerno, ovvero Pantaleone, che oggi non è considerata una pasticceria qualsiasi ma la più antica e famosa di Salerno. Non appena si entra da Pantaleone è impossibile non notare il banco pasticceria con i dolci tipici della tradizione culinaria campana e salernitana ed è impossibile non soffermarsi davanti alla buonissima scazzetta. La scazzetta Pantaleone è il dolce salernitano per eccellenza ma com’è nata la scazzetta?  Prima di raggiungere il risultato finale, Mario Pantaleone ha dovuto faticare tra diversi tentativi ed esperimenti dolciari.

Quel che più incuriosisce, però, è la scelta del nome: pochi sanno che il termine ‘scazzetta’ deriva dal dialetto e sta a indicare il Galero, ovvero il copricapo che i cardinali ricevevano dal Papa durante la cerimonia di investitura. Se questo copricapo per i cardinali simboleggiava una sorta di confine tra cielo e terra, allora la scazzetta di Pantaleone rappresenta davvero un assaggio di paradiso. Gli  ingredienti della torta sono semplici: Pan di spagna, crema, fragoline di bosco e glassa rossa che insieme danno vita a una dolcezza celestiale rientrata di diritto nella tradizione culinaria salernitana. Molti hanno provato a ‘copiare’ la ricetta di Pantaleone, ma è impossibile riuscire a eguagliare la bontà dell’originale: la creatività e l’estro culinario di Mario Pantaleone sono stati premiati tanto che è dal 1868 che a Salerno si può gustare una tale bontà. Da quando è sorto il laboratorio artigiano di arte pasticcera di Pantaleone, il capoluogo ha goduto di bontà uniche per secoli che sono state protagoniste di banchetti e cerimonie regali conquistando la gola di personalità illustri italiane e straniere come Bill Clinton, la regina Margaret e Papa Giovanni Paolo II, il più noto estimatore della scazzetta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento