Mercoledì, 20 Ottobre 2021
GustaSalerno

Opinioni

GustaSalerno

A cura di gustasalerno

" Street Food, bontà del territorio e suggerimenti per i buongustai. E poi mete enogastronomiche, locali da non perdere, ricette innovative e tradizonali per far leccare i baffi a chi ama la buona tavola: questo e molto altro ancora per voi, con il nostro blog. Buon appetito e...""GustaSalerno"" "

"GustaSalerno"

De.Co. Sanginella: 7 giorni di riscoperta dei sapori antichi in pasticceria, a Salerno

Il trionfo del gusto, il raduno dei golosi: è tutto pronto per l'evento che miscela innovazione e tradizione. Saranno coinvolte alcune pasticcerie cittadine

Il trionfo del gusto, il raduno dei golosi: è tutto pronto per l'evento che miscela innovazione e tradizione. Saranno coinvolte alcune pasticcerie di Salerno, dal 20 al 26 settembre, nella preparazione di dolci a base di uva Sanginella, ancora una volta protagonista. 

I dettagli

Hanno aderito le pasticcerie Arienzo di via Baratta, Gelateria Bar Buonocore in via Paolo de Granita, Dolce e Caffè di via Paolo Volpe, Ingino e Romolo entrambe ubicate a Corso Garibaldi, Senatore di via Velia, Svizzera di via Pietro del Pezzo. L'iniziativa è autofinanziata da Claai. 

La presentazione


L’uva sanginella è un’antica varietà delle colline salernitane tornata ad essere attuale grazie al percorso De.Co che ha avviato con il sostegno della Claai. Il presidente Gianfranco Ferrigno, infatti, ha voluto che per alcune tipicità dell’enogastronomia locale, si potesse arrivare al conferimento della Denominazione Comunale, quella specie di carta d’identità che fa riconoscere come autoctono, realmente nato in un determinato territorio, un prodotto. Sostenuto in questo cammino dall’amministrazione comunale, le prime prelibatezze salernitane che hanno intrapreso il cammino del riconoscimento ufficiale sono l’uva sanginella e la milza imbottita. Proprio la milza in questi giorni è tornata ad essere protagonista delle tavole, con il suo inconfondibile aroma, come avviene sempre in questo periodo che avvicina i fedeli al santo Patrono ma, quest’anno, si è deciso di onorare la De.Co. onorando la tradizione di San Matteo non solo con la prelibatezza a base di pungente aceto, ma anche con l’uva sanginella sistemata, però, non come al solito, in un piatto da frutta per sgranocchiarla a fine pasto, bensì riservandole il posto d’onore, quello del dolce. In occasione, infatti, della festività patronale, la Claai ha promosso la manifestazione “Alla riscoperta dei sapori antichi in pasticceria” a cui molti artigiani salernitani hanno voluto partecipare realizzando dolci a base di uva sanginella. Un’iniziativa che si incammina nel solco già tracciato quest’estate dal gelato al gusto di uva sanginella che ha riscosso grande gradimento da parte del pubblico. L’evento, totalmente autofinanziato dalla Claai e che porterà quindi l’uva sanginella nelle pasticcerie salernitane e della provincia, vede il patrocinio del Comune di Salerno e il plauso di Coldiretti con il suo rappresentante Vincenzo Galdi . “Occorre onorare – ha sottolineato il presidente Gianfranco Ferrigno -  quello che è un prodotto tipico delle nostre colline che, grazie al microclima favorevole, consentono la crescita di questo vitigno giunto fino a noi grazie anche alla cura e alla passione di Augusto e Giuseppe Parisi, un amore inculcato loro dal padre e coltivato come un bene di famiglia, famiglia che in questa occasione ha voluto fornirci la materia prima”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De.Co. Sanginella: 7 giorni di riscoperta dei sapori antichi in pasticceria, a Salerno

SalernoToday è in caricamento