"Giornata mondiale contro la violenza sulle donne", iniziative in tutta la provincia

A Roccapiemonte l'Amministrazione lancia il suo messaggio attraverso l'arte, Salerno Attiva ha fatto realizzare una foto da Gerry Fezza mentre Spazio Donna ha organizzato un incontro presso l'istituto comprensivo Rita Levi Montalcini

La foto realizzata da Gerry Fezza per Salerno Attiva - Activa Civitas

Sono tante le iniziative organizzate da enti ed associazioni in occasione del 25 novembre, Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne. A Roccapiemonte l'Amministrazione Pagano lancia il suo messaggio attraverso l'arte e illuminando di rosso il Municipio, l'associazione Salerno Attiva ha fatto realizzare una foto da Gerry Fezza mentre l'associazione Spazio Donna ha organizzato un incontro dal titolo Nessuno tocchi Eva presso l'istituto comprensivo Rita Levi Montalcini.

La giornata a Roccapiemonte

L'Amministrazione Comunale di Roccapiemonte guidata dal sindaco Carmine Pagano, grazie al costante impegno del consigliere delegato alle politiche sociali Valeria Pagano, ha voluto lanciare il suo messaggio di sensibilizzazione attraverso momenti dedicati all'arte. Con la preziosa collaborazione e organizzazione della Consulta Cultura Pari Opportunità dell'Ente comunale, si terrà una mostra d'arte itinerante presso gli esercizi commerciali del territorio. In questi giorni, inoltre, la facciata del Municipio in piazza Zanardelli, è stata illuminata di rosso proprio per ribadire il messaggio contro la violenza sulle donne.

L'iniziativa di Salerno Attiva - Activa Civitas

In occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne, il fotografo Gerry Fezza ha realizzato per l'associazione Salerno Attiva una foto dal forte impatto emotivo.

L’ombra del silenzio stringe. Stringe come un abbraccio che fa male. Stringe e reprime. Stringe e piange nelle pieghe della propria fragilità. Farsi avvolgere dal silenzio significa arrendersi ai soprusi altrui, rimanendo immobili a guardare i pezzi di sé cadere per terra: si diventa deboli e si comincia a credere di poter essere semplicemente i cocci della propria anima dispersi sul pavimento. Una donna non può essere semplicemente un insieme di frammenti distesi, né deve pagare la condanna di esser donna, perché essere donna non è una condanna. Essere donna significa vita. Essere donna significa forza. Essere donna significa riuscire a brillare nella propria fragilità. Essere donna è un privilegio e, come tale, merita rispetto. Essere donna significa poterlo essere, senza aver un prezzo da pagare.

Sono queste le riflessioni che hanno ispirato il fotografo salernitano Gerry Fezza. "Gerry ha realizzato una foto incredibile, profonda, scomoda - ha commentato Michele Caprio presidente dell’associazione Salerno Attiva - dalle molteplici letture accumunate tutte dalla sofferenza di chi subisce, spesso in silenzio, una violenza quotidiana fatta non solo di percosse". Caprio ha commentato anche i dati Eures secondo i quali, nel periodo tra gennaio ed ottobre 2018, ci sono stati il 7% di casi di femminicidio in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: "Ciò fa ben sperare ed infatti, la protagonista della nostra foto reagisce fermando la fitta tenda che cerca di opprimerla in un isolamento fatto di piccole ma grandi violenze, dove l’esterno resta alle sue spalle indifferente alla sua personale battaglia quotidiana". "La violenza, che sia fisica o psicologica è un velo sottile che ti attraversa la mente e ti distrugge l'anima - ha aggiunto la protagonista della foto Laura Pero, agente di polizia municipale durante Luci d’Artista - ma tu, donna, grida, non lasciarti sopraffare, reagisci, esci dal tunnel nero e fai sentire la tua voce perchè il silenzio aiuta il carnefice e ciò non devi permetterlo mai. Ricorda solo tu sei la padrona di te stessa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incontro all'istituto Rita Levi Montalcini

Lunedì 26 novembre, nella sala Teatro del plesso di Mercatello si terranno una serie di iniziative saranno dedicate alla Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne inaugurando così l’anno scolastico 2018-19. In collaborazione con L’associazione Spaziodonna Linearosa di Salerno si terrà l'incontro dal titolo Nessuno tocchi Eva con Fausta Angrisani, psicoterapeuta. Interverrà anche Filomena Lamberti per presentare il libro-testimonianza Un’altra vita che racconta la sua storia. A moderare l'incontro ci sarà la dirigente dell'I.C. Levi Montalcini Carla Romano. In occasione di questa giornata saranno esposte nell’atrio dell’istituto anche una mostra di quadri di Carlo Golia e una rassegna fotografica di Chiara Napoli, che rimarranno visibili per l’intera settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento