A Scafati la XXXII edizione del torneo internazionale con squadre giovanili da tutta Europa

Torna a Pasqua il Torneo Internazionale del calcio giovanile Scafati. Il Ling Mondo Nazione annuncia l’edizione numero 32 dello storico evento. Nel periodo pasquale, circa 2000 partecipanti, tra bambini e adulti, parteciperanno al torneo che si svolgerà nello stadio di Scafati da mercoledì 23 a sabato 26 marzo 2016.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Torna a Pasqua il Torneo Internazionale del calcio giovanile Scafati. Il Ling Mondo Nazione annuncia l’edizione numero 32 dello storico torneo. Nel periodo pasquale, circa 2000 partecipanti, tra bambini e adulti, parteciperanno allo storico evento che si svolgerà nello stadio di Scafati da mercoledì 23 a sabato 26 marzo 2016. In campo scenderanno circa 30 scuole calcio, alcune delle quali provenienti da vari Stati europei e dal nord Italia. Sarà come sempre un “inno al calcio pulito e al valore sociale dello sport”, volto alla promozione umana, sociale e culturale dei ragazzi. 
“Dopo alcune edizioni che hanno visto la partecipazione di sole squadre campane, per ragioni indipendenti dalla nostra volontà – afferma il presidente del Ling Mondo Nazione, Giovanni Vitiello – l’edizione 2016 rappresenta un ritorno al passato perché vedrà una massiccia presenza di gruppi provenienti da tutta Italia e dall’estero. Abbiamo avviato immediatamente la macchina organizzativa per preparare al meglio una manifestazione che è motivo di orgoglio per tutti gli scafatesi, essendo profondamente radicata nella nostra città. Una città che aspetta con spirito di accoglienza e curiosità i tanti bambini, ragazzi e familiari stranieri che gioiosamente riempiranno le nostre strade di Scafati. La direzione tecnica del torneo assicura il massimo impegno per garantire a tutti gli ospiti la migliore accoglienza grazie anche al coinvolgimento delle istituzioni e delle aziende private del territorio”. 
Il torneo di calcio sarà, dunque, solo il pretesto per vedere centinaia di bambini, di culture diverse, scendere in campo nel segno dell’amicizia, della solidarietà e della conoscenza reciproca. Del resto, anche quest’anno, non vi saranno classifiche di merito, e tutti i partecipanti saranno premiati prima dell’inizio del torneo stesso. 
 

Torna su
SalernoToday è in caricamento