Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Zona Porto / Via Indipendenza

Via Indipendenza: giardini pubblici tra abbandono, rifiuti e degrado

Versano in pessime condizioni i giardini di via Indipendenza. Un tappeto di erbacce, spazzatura e cocci di vetro si stende sulla piazzola abbandonata a sè stessa: appello dei residenti per una maggiore sorveglianza della zona

Rifiuti nei giardini di via Indipendenza

Cartoni, bottiglie ed escrementi di animali: questo il biglietto da visita dei giardini di via Indipendenza. Desolante, lo scenario per i passanti e residenti che si trovano ad attraversare la piazzola, potenzialmente suggestivo luogo di ritrovo per le famiglie. Erba incolta, cocci di vetro disseminati ovunque, infatti, presso i giardini che, fino a qualche tempo fa, ospitavano anziani e bambini. Trasformata di giorno in una toilette a cielo aperto per i cani dei padroni più incivili e di notte in un punto di incontro per teppisti ed ubriachi, dunque, la piazza di via Indipendenza suscita grande amarezza tra gli abitanti della zona.

"Qualche anno fa era possibile far trascorrere qualche ora all'aria aperta ai bambini, nel verde dei giardini - racconta la signora Anna, residente del quartiere - Purtroppo, ora la piazza è abbandonata al più totale degrado: tra bottiglie vuote e cocci di vetro abbandonati da ubriachi durante le ore serali ed escrementi di cani non raccolti dai padroni, risulta pericolosa anche da un punto di vista igienico - sanitario. Ed è un vero peccato, specie per gli anziani che hanno difficoltà a raggiungere la villa comunale per stare un pò all'aria aperta".

Dello stesso parere, infatti, un pensionato della zona che racconta di sorprendere, ogni mattina, due incivili abbandonare nelle aiuole dei giardini gli escrementi dei loro cani. Maggiori controlli per scongiurare il pericolo criminalità al calar del sole e per restituire a via Indipendenza i suoi preziosi giardini, dunque, l'appello dei residenti di via Indipendenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Indipendenza: giardini pubblici tra abbandono, rifiuti e degrado

SalernoToday è in caricamento