Abbandono incontrollato di rifiuti speciali: due denunce ad Altavilla, il sequestro

I militari hanno concentrato la loro attività sui coltivatori della piana del Sele, individuando i due che illecitamente stavano spalmando sul nudo terreno rifiuti speciali

Carabinieri in azione ad Altavilla Silentina, insieme ai colleghi della Stazione di Borgo Carillia: sono state denunciate due persone di origini italiane, per abbandono incontrollato di rifiuti speciali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il blitz

I militari hanno concentrato la loro attività sui coltivatori della piana del Sele, individuando i due che illecitamente stavano spalmando sul nudo terreno rifiuti speciali, alias fanghi misti di lavorazione e residui vegetali derivanti verosimilmente da una industria conserviera.
Gli accertamenti eseguiti dai Carabinieri, hanno dato modo di sequestrare un'area di circa 3000 metri quadrati e una pala meccanica.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Torrione: donna si sente male sulla spiaggia e muore

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Covid-19: altri 3 contagi in provincia di Salerno, il bilancio dei positivi

  • Belen in Costiera, "salto" a Ravello e degustazione dei dolci di Pansa

  • Covid-19, contagiata una bimba di Pontecagnano

  • Covid-19: sette nuovi contagi in Campania, il bollettino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento