rotate-mobile
Cronaca Ravello

Abusi edilizi a Ravello, sequestri e denunce

Tre cantieri completamente abusivi sono finiti sotto sequestro in due zone della località della costiera. Sei persone sono state denunciate alla magistratura

E' di tre cantieri edili abusivi sequestrati e di sei persone denunciate all'autorità giudiziaria il bilancio di un'operazione messa in atto a Ravello dagli uomini della sezione operativa navale di Salerno della guardia di finanza. I sequestri sono stati effettuati in località Cigliano e Sambuco.

Il primo sequestro ha riguardato un manufatto di circa 20 metri quadrati realizzato su di un fondo agricolo, mentre il secondo sequestro si è reso necessario in quanto su di un fondo agricolo, dietro una macera, erano in corso di realizzazione due manufatti per fatti edili complessivi cinquanta metri quadrati, destinati a civile abitazione.

Entrambi i manufatti edili erano opportunamente occultati con i classici teloni neri usati per la copertura dei limoneti, una tecnica utilizzata frequentemente nella zona, per poter lavorare in tranquillità eludendo i controlli. Infine, i militari hanno sequestrato un immobile indipendente di circa 45 metri quadrati e un terrazzo di 30 metri quadrati realizzati in ampliamento ad un preesistente fabbricato.

Le azioni cautelari hanno riguardato anche le aree di sedime di mq. 150 interessate da lavori abusivi, che erano praticamente divenute vere e proprie aree di cantiere. Gli abusi perpetrati ricadono all’interno del perimetro del Parco Regionale dei Monti Lattari, in una zona riconosciuta “patrimonio dell’Umanità” dall’UNESCO.

I sei proprietari delle opere, originari di Ravello, sono stati deferiti all'autorità giudiziaria per danneggiamento e deturpamento di bellezze naturali, oltre alle violazioni in materia urbanistica e paesaggistica. Alle operazioni ha preso parte anche il personale dell'ufficio tecnico del comune di Ravello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi edilizi a Ravello, sequestri e denunce

SalernoToday è in caricamento