menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ville sequestrate a San Giovanni a Piro, il comune replica

Il sindaco Giannì replica in seguito al sequestro delle 53 ville (con 112 persone indagate) nel territorio comunale, in località Valle di Natale: "Corretto l'operato degli uffici comunali"

"Se qualcuno pensa di poter cavalcare questa situazione per denigrare il nostro operato, sappia che sta per compiere un clamoroso autogol" così, in una nota, l'amministrazione comunale di San Giovanni a Piro, guidata dal sindaco Maria Stella Giannì, all'indomani del sequestro di 53 ville nel territorio del comune del golfo di Policastro per lottizzazione abusiva.

"L'area interessata dal sequestro - si legge nel comunicato dell'amministrazione - topograficamente ricade nella frazione Bosco e non in quella di Scario. Si tratta, pertanto, di una collina interna e defilata, non del litorale della nota località turistico-balneare". Ancora, secondo l'amministrazione, non vi sarebbe stata "nessuna cementificazione costiera selvaggia, nessuna realizzazione di ville a schiera sull'area demaniale, come tristemente accaduto in altri luoghi, nessuna speculazione edilizia costiera, come si cerca di sottointendere, a nostro danno e a danno della nostra comunità".

"Nessuna responsabilità - continua il comunicato dell'amministrazione comunale - può essere addebitata agli uffici comunali, che hanno sempre rilasciato le concessioni nella piena osservanza delle norme, sia con le compagini guidati dalla Giannì sia con le amministrazioni precedenti".

E ancora: "Se qualcuno pensa di poter cavalcare questa situazione per denigrare il nostro operato - conclude il comunicato - sappia che sta per compiere un clamoroso autogol. I nostri concittadini sanno bene che le nostre azioni sono tutte tese alla salvaguardia del territorio, al quale siamo fortemente legati, non certo per interesse o per trarne vantaggio personale". Nell'operazione dei carabinieri della compagnia di Sapri, diretta dal capitano Emanuele Tamorri, oltre al sequestro delle ville, sono state denunciate 112 persone tra proprietari, progettisti, direttore dei lavori e responsabili delle ditte esecutrici delle opere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento