Patto tra Comune di Eboli ed Agenzia per i Beni Confiscati: via l’amianto dall’ex Apoff

Il sindaco Cariello: "Le emergenze ambientali e la sicurezza per la salute dei cittadini sono la priorità assoluta della nostra Amministrazione"

Si va verso una rapida soluzione dell’emergenza amianto nell’area della ex Apoff, stabilimento ed area confiscati alla criminalità organizzata. E’ già stato nominato il responsabile del procedimento ed addirittura presentato un progetto sostenuto con fondi per 400mila euro con l’obiettivo di un rapido e definitivo intervento di rimozione e smaltimento dell’amianto. “L’Agenzia Nazionale per i Beni Confiscati hanno dato immediatamente ascolto alle nostre istanze - ricorda il sindaco Massimo Cariello - Il presidente nazionale dell’Agenzia, Postiglione ha mostrato sensibilità e disponibilità, dopo avere verificato l’impegno dell’Amministrazione comunale che, fin dal suo insediamento, ha posto le emergenze ambientali e la sicurezza per la salute dei cittadini quale priorità assoluta del governo del territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’accelerazione impressa dall’Amministrazione comunale ha non solo portato ad una rapida soluzione, ma ha anche dotato la città di riferimenti strategici, quale lo sportello amianto, per il quale si è speso l’assessore all’ambiente, Ennio Ginetti, e che ha dato risultati soddisfacenti su tutto il territorio. La stessa società civile ha fatto sentire la sua presenza, attraverso l’azione del Comitato “Togliamoci l‘amianto dalla testa”. “La procedura per la bonifica del sito è avviata - spiega il consigliere comunale delegato per i beni confiscati Carmine Busillo - La sinergia tra Comune ed Agenzia potrebbe portare entro fine anno alla bonifica definitiva e questo ci consentirà di disegnare l’utilizzazione dell’area. Evidentemente proprio la chiarezza degli obiettivi e della programmazione comunale hanno fatto in modo che l’Agenzia intervenisse immediatamente sia per la bonifica, sia per consentire di potere utilizzare l’area a scopi sociali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

  • Covid-19: i contagi superano quota 200 in provincia, due bimbi positivi a Salerno e 2 casi a Baronissi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento