menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'accordo

L'accordo

Nutrizione e salute: Salerno diventa capitale della ricerca, siglato l'accordo

Siglato oggi, a Palazzo di Città, l'accordo di cooperazione del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, del rettore dell’Università degli Studi di Salerno Tommasetti e del Presidente del Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Ebris, Fasano

Siglato oggi, a Palazzo di Città, l'accordo di cooperazione del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, del rettore dell’Università degli Studi di Salerno Aurelio Tommasetti  e del Presidente del Consiglio d’Amministrazione della Fondazione Ebris, Alessio Fasano. L'intesa mira a dare definitivamente il via alle attività di ricerca e congressuali presso il complesso storico di San Nicola della Palma in via De Renzi a Salerno. Nelle prossime settimane, completati i lavori di collocamento delle attrezzature nei laboratori, i ricercatori cominceranno a svolgere la propria attività scientifica nel campo del rapporto tra nutrizione e salute.

In programma anche nella seconda metà del 2014 tre convegni nazionali ed internazionali su: dolore, nutrizione, psichiatria. Il complesso di San Nicola della Palma, ristrutturato dal Comune, è stata una delle prime sedi storiche della Scuola Medica Salernitana. Le stanze che ospitarono quei medici impegnati nello studio delle patologie e nella ricerca del benessere torneranno ad accogliere scienziati e studenti da tutto il mondo in virtù dell’attività accademica internazionale del professor Alessio Fasano ed alle sinergie messe in campo con l’Università degli Studi di Salerno ed il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

“Abbiamo recuperato un pezzo importante del patrimonio storico ed urbanistico della città. Il restauro dei siti storici procede di pari passo con la definizione di attività coerenti con la loro storia ma proiettate verso il futuro. - ha osservato De Luca -  La nutrizione è diventato uno degli ambiti di ricerca contemporanea più importanti perché coinvolge direttamente ed indirettamente la tutela ambientale, la sostenibilità delle produzioni, l’evoluzione della cura e degli stili di vita. E Salerno avrà un ruolo da protagonista in questa ricerca fondamentale per il futuro dell’umanità”, ha concluso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento