"Napoli Salerno Airports Gesac", parte la fusione: ecco il nuovo logo dell'aeroporto

Si attende il completamento dell’iter per l’assegnazione dei lavori per la pista. Per il prossimo autunno dovrà essere consegnato il progetto e poi, per la primavera 2022, la cosiddetta fase uno dei lavori sarà completata

Il nuovo logo

Sta diventando realtà la fusione tra l’aeroporto “Costa d’Amalfi” di Salerno e lo scalo aeroportuale di Capodichino (Napoli). Nella giornata di ieri, infatti, è stato ufficializzato il nuovo logo unico che unirà i due scali campani: “Napoli Salerno Airports Gesac”, con quattro “A” stilizzate come frecce, che è già presente su tutti i canali istituzionali nell’ambito del grande progetto avviato in sinergia dai due aeroporti campani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 La pista

Intanto si attende il completamento dell’iter per l’assegnazione dei lavori per la pista, ora al secondo step di analisi delle offerte. Per il prossimo autunno dovrà essere consegnato il progetto e poi, per la primavera 2022, la cosiddetta fase uno dei lavori sarà completata.  Per il momento dovrebbe partire a breve il potenziamento dell’aviazione generale “dirottata” da Napoli. Questo perché dal 2020 al 2022 si potrà sviluppare, in attesa del completamento della pista, il traffico commerciale, nei cieli del Costa d’Amalfi, visto che non potranno comunque volare aerei di linea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Covid-19: situazione drammatica al Ruggi, anziana in gravissime condizioni

  • Coronavirus, nuovi contagi in provincia di Salerno: i comuni coinvolti

  • Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

  • Covid-19: altri 3 contagi a San Mango, nuovi casi a San Severino, Sarno, Vibonati e Nocera

  • Covid-19: contagi in diminuzione in Campania, l'analisi dei dati

Torna su
SalernoToday è in caricamento