menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggressione di Torrione, l'ira della Filt Cgil: "Interventi mirati sulle linee degli autobus"

E l'associazione Tradizione Futuro incalza: "Quanto accaduto conferma la nostra preoccupazione, relativa alla mancata sicurezza, che esprimemmo subito dopo il tentato stupro in via Dei Principati"

L’aggressione verificatasi nella serata di ieri a Torrione esplode nuovamente il problema della sicurezza in città. Immediate le reazioni dal mondo sindacale e politico. "Esprimiamo il nostro sdegno per la vile aggressione perpetrata da due criminali nei confronti di un'autista del Cstp  a cui, naturalmente, va la solidarietà di tutta la Filt Cgil” afferma il segretario Amedeo D’Alesso, per il quale “è necessario porre la massima attenzione sul tema della sicurezza nei mezzi di trasporto pubblico locale. Gli autisti e l'utenza non possono essere lasciati in balia di tali delinquenti, spesso ubriachi e dediti al borseggio”. Per D’Alessio “occorrono investimenti da parte delle aziende per rendere più sicuri gli autobus, così come sono necessari interventi mirati delle forze di polizia sulle linee e negli orari più sensibili. Per questo chiederemo immediatamente l'istituzione di un tavolo congiunto con le aziende e la Prefettura di Salerno per stabilire le azioni necessarie a garantire l'incolumità degli autisti e dei passeggeri”.

Più dure le parole del responsabile dell’associazione Tradizione Futuro Antonio Mola: “Quanto accaduto conferma la nostra preoccupazione, relativa alla mancata sicurezza, che esprimemmo subito dopo il tentato stupro in via Dei Principati. Dopo il nostro appello alle istituzioni, il dottore Anzalone, questore di Salerno, diceva, in un'intervista rilasciata ad un quotidiano locale, che la città non è violenta; mentre il sindaco, emerito o sospeso che si voglia dire, si vantava, in una trasmissione su una tv nazionale, del livello di sicurezza in città. Con questo ennesimo episodio non vogliamo che ci diano ragione ma ci auguriamo che, anziché minimizzare o ignorare la questione, sappiano dare un segnale forte, rapido e risolutivo del problema”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento