menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercato San Severino, aggressione e minacce: due arresti

Due persone sono state poste al regime degli arresti domiciliari su ordinanza del gip del tribunale di Salerno: sono accusati di aver aggredito, lo scorso marzo, un cittadino romeno intimandogli di lasciare l'abitazione

Due persone sono state arrestate nella notte dai carabinieri della compagnia di Mercato San Severino, agli ordini del capitano Rosario Basile, con l'accusa di porto illegale di arma da fuoco, lesioni personali, minacce aggravate e violazione di domicilio in concorso. Si tratta di D. P., 33 anni di Pagani e di C. L., 52 anni di Mercato San Severino. I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Salerno.

I due uomini, si legge in una nota dei carabinieri, lo scorso 15 marzo si presentarono a casa di un cittadino romeno, a Mercato San Severino, rinfacciandogli di aver allontanato dall'abitazione due ragazze bulgare alle quali aveva dato temporaneamente ospitalità: i due minacciarono di morte l'uomo per mezzo di una pistola e lo presero a calci e pugni davanti alla convivente e al figlio minorenne, intimando loro di lasciare subito l'abitazione.

I due aggressori si allontanarono facendo quindi perdere le proprie tracce. L'uomo dovette fare ricorso alle cure mediche dei sanitari, che evidenziarono alcune contusioni giudicate guaribili in alcuni giorni. Le indagini, immediate avviate, hanno consentito di identificare gli aggressori e di acquisire a loro carico gravi e plurimi indizi di colpevolezza in ordine ai reati contestati, che pienamente condivisi dall’autorità giudiziaria, hanno portato all’emissione del provvedimento cautelare. Gli aggressori sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento