Richiesta di amicizia sui social, pestato dal "branco" a Pontecagnano: arrestati quattro giovani

La violenta aggressione si è verificata, lo scorso 7 agosto, in Piazza Risorgimento. Determinanti per le indagini le testimonianza dei presenti e i tabulati telefonici

Sono stati individuati i componenti del “branco” che, il mese scorso, aggredì un giovane di 21 anni a Pontecagnano Faiano. Ieri i carabinieri della Compagnia di Battipaglia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari e del divieto di dimora nel territorio dei comuni della provincia di Salerno, emessa dall’Ufficio del Gip del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di quattro ragazzi, accusati di concorso in lesioni personali gravi e porto ingiustificato di armi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini 

Il provvedimento scaturisce dall’esito delle indagini avviate dai militari dei due comuni quando la sera del 7 agosto, verso le 21.40, giunsero alla centrale operativa richieste di intervento in Piazza Risorgimento per una lite in corso tra ragazzi, alcuni armati di mazze da baseball e con una persona ferita e sanguinante giacente a terra.  I responsabili, identificati in A. E di 21 anni (con precedenti di polizia e sottoposto agli arresti domiciliari), F.C di 19 anni, M.A di 21 anni,  F.G di 22 anni, (quest’ultimi destinatari della misura cautelare del divieto di dimora), nel corso della rissa, aggredirono il loro coetaneo, che in quel era in compagnia di un amico minorenne, procurandogli la lesione completa dell’arteria femorale dell’arto sinistro.  Le indagini, supportate dalle testimonianza raccolte sul posto e dall’analisi dei tabulati telefonici, hanno consentito di ricostruire il movente dell’aggressione, da ascrivere a questioni di carattere sentimentale, ovvero alla cieca gelosia di uno degli indagati esplosa a seguito della richiesta di amicizia che la ex fidanzata aveva rivolto all’amico minorenne della vittima su un sito social. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento