rotate-mobile
Cronaca Stazione Ferroviaria

Diversamente abile aggredito alla stazione di Angri, il sindaco scrive a Ferrovie dello Stato

Mauri: "E’ assurdo pensare che i cittadini debbano rischiare la vita ogni qual volta debbano prendere un treno, specie nelle ore serali e notturne, giacché la Stazione è buia e non dispone di adeguati impianti e personale di sicurezza"

Stava attendendo il treno, quando è stato aggredito ferocemente da un cittadino nordafricano che poi è immediatamente fuggito. Protagonista dell'increscioso episodio avvenuto lo scorso 26 febbraio alla stazione di Angri, un 65enne ipovedente diversamente abile al 70%. Proprio il malcapitato ha raccontato in una lettera quanto accaduto al sindaco di Angri, Pasquale Mauri che ha a sua volta inviato un appello a Ferrovie dello Stato per denunciare l'assenza di sorveglianza e lo stato di degrado in cui versa la stazione di via Corso Vittorio Emanuele.

"E’ assurdo pensare che i cittadini debbano rischiare la vita ogni qual volta debbano prendere un treno, specie nelle ore serali e notturne, giacché la Stazione è buia e non dispone di adeguati impianti e personale di sicurezza. - ha scritto Mauri - Non è pensabile che una stazione ferroviaria, dove i cittadini dovrebbero godere di un servizio pubblico dovuto, quello del trasporto, possa diventare il covo di gente violenta che mina l’incolumità delle persone che quotidianamente la frequentano. Lo stato di abbandono e degrado della Stazione Ferroviaria sta creando seri problemi alla cittadinanza e in qualità di Sindaco della città non posso permettere un simile scempio". Si resta, dunque, in attesa di risposte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diversamente abile aggredito alla stazione di Angri, il sindaco scrive a Ferrovie dello Stato

SalernoToday è in caricamento