rotate-mobile
Cronaca Nocera Inferiore

Blitz anti-droga nell'Agro Nocerino Sarnese: sei persone finiscono nei guai

Sei persone sono state raggiunte dal provvedimento di custodia cautelare: due di queste erano già in carcere per altri reati

Blitz anti-droga nell'Agro Nocerino Sarnese. Alle prime luci dell’alba, sei persone sono state raggiunte dal provvedimento di custodia cautelare. Due di queste erano già in carcere per altri reati.

L'operazione dei carabinieri, coordinata dalla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore ha consentito di individuare un gruppo di persone, che aveva avviato un fiorente mercato di stupefacenti a Nocera e Angri. L’indagine ha preso avvio nel novembre 2011 e nasce parallelamente a quella, denominata “Family Cars”, conclusasi il 22 ottobre scorso, grazie alla quale fu incastrato un gruppo criminale dedito alla ricettazione e al riciclaggio di auto.

Le indagini successive, poi, hanno fatto emergere numerose condotte illecite di A.A., Angrese classe 1983, associato al carcere, e di L.C., L.N., M.G., R.M., B.P. e D.R. Il primo, aiutato da M.G., si è reso responsabile di numerosi episodi di spaccio di cocaina caratterizzati da fugaci contatti con l’acquirente, seguiti da fughe dal luogo di vendita ad alta velocità allo scopo di rendere difficoltoso l’eventuale pedinamento da parte delle Forze dell’Ordine.

B.P., invece, nel periodo di monitoraggio, si è reso autore di numerose cessioni di cocaina ad acquirenti dell’Agro ed in particolare si dedicava al rifornimento di stupefacenti agli assuntori detenuti agli arresti domiciliari, e quindi impossibilitati ad uscire, assumendo la connotazione di un vero e proprio “pusher porta a porta”. Gli altri tre, infine, ottimizzavano tempi e guadagni, rifornendo di cocaina assuntori dell’intero Agro e sfruttando proprio i contatti personali che riuscivano ad instaurare nel corso della loro attività di riciclaggio di auto rubate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Blitz anti-droga nell'Agro Nocerino Sarnese: sei persone finiscono nei guai

SalernoToday è in caricamento