rotate-mobile
Cronaca Agropoli

Agropoli, dopo un anno di latitanza arrestato "il fantasmino"

La sua cattura pone fine a un periodo durante il quale, nonostante le condanne da scontare, era riuscito a eludere le autorità, forse rifugiandosi fuori Agropoli

Michele Di Fiore, 58 anni, noto ad Agropoli come "il fantasmino" per la sua abilità nel rimanere nascosto, è stato arrestato ieri dai Carabinieri della locale Compagnia, comandati dal Capitano Giuseppe Colella. Dopo oltre un anno di latitanza, Di Fiore, condannato a 8 anni ridotti successivamente a tre anni e mezzo per truffa e ricettazione, è stato catturato nella sua abitazione a Moio, Agropoli.

L'arresto

L'operazione di arresto, condotta dalla sezione operativa guidata dal tenente Nicola Di Benedetto, non ha incontrato resistenze. Di Fiore è stato poi trasferito al carcere di Vallo della Lucania. Gli avvocati Michele Dolce e Federico Conte hanno già richiesto per lui misure alternative alla detenzione. La sua cattura pone fine a un periodo durante il quale, nonostante le condanne da scontare, era riuscito a eludere le autorità, forse rifugiandosi fuori Agropoli, ma il suo recente ritorno non è passato inosservato ai Carabinieri che, grazie a precise segnalazioni, hanno infine chiuso il cerchio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agropoli, dopo un anno di latitanza arrestato "il fantasmino"

SalernoToday è in caricamento