Agropoli, sequestro di beni per 250mila euro ad una ditta edile

Il provvedimento cautelare è conseguenza di una meticolosa attività ispettiva della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle hanno accertato un’evasione di imposte

Foto archivio

Il Tribunale di Vallo della Lucania ha disposto il sequestro per equivalente di beni, somme di denaro e quote societarie pari a 250.000 euro, nei confronti di un'azienda di Agropoli, operante nel settore edile, in particolare nella costruzione di edifici residenziali. Il provvedimento cautelare è conseguenza di una meticolosa attività ispettiva della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle hanno ricostruito operazioni poste in essere dalla società ed hanno accertato un’evasione di imposte di oltre 250mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento