Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Agropoli

Provocò incidente mortale con sorpasso azzardato: condannato 74enne

L’uomo era alla guida della sua auto quando, a causa della velocità sostenuta, superando il limite di 50km/h e praticando una manovra di sorpasso non consentita ed utilizzando il telefonino, perse il controllo del mezzo andandosi a schiantare contro la vettura guidata da Vincenzo Albino

I giudici della Suprema Corte di Cassazione hanno respinto, dichiarando inammissibile, il ricorso presentato da un 74enne accusato di aver procurato la morte di Vincenzo Albino, a seguito di un incidente stradale verificatosi sulla Strada Provinciale 278 ad Agropoli. Confermata, dunque, la sentenza della Corte di Appello, che aveva confermato la condanna del Tribunale di Vallo della Lucania per il reato di omicidio colposo commesso per la violazione delle norme in materia di circolazione stradale. 

Il processo

Secondo quanto ricostruito, l’uomo era alla guida della sua auto quando, a causa della velocità sostenuta, superando il limite di 50km/h r praticando una manovra di sorpasso non consentita, utilizzando anche il telefonino, perse il controllo del mezzo, anche a causa delle scadenti condizioni di gommatura degli pneumatici, ed aveva colliso frontalmente con l’autovettura Fiat Punto che viaggiava regolarmente sull’opposta corsia di marcia, provocando la morte del conducente Vincenzo Albino. La dinamica dell’incidente è stata ricostruita grazie alla presenza di un testimone. L’imputato aveva contestato l’illogicità delle motivazioni sulla ricostruzione dei fatti ed anche l’attendibilità del teste. Stando la difesa, l’uomo sarebbe stato costretto ad una repentina sterzata per evitare lo scontro con un’altra vettura che gli si era posta davanti. Una tesi che, però, non ha convinto i giudici. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocò incidente mortale con sorpasso azzardato: condannato 74enne

SalernoToday è in caricamento