Agropoli, è caccia ai furbetti dell’ombrellone: nei guai anche commercianti abusivi

Il sindaco Coppola: "L’immagine del decoro urbano e il rispetto delle regole per noi sono fondamentali. Tali controlli andranno avanti anche nei prossimi giorni, allo scopo di ripristinare l’ordine e il rispetto della legge"

Blitz contro gli ombrelloni “selvaggi” ad Agropoli. All’alba di questa mattina, sono entrati in azione sulle spiagge cittadine, gli operai della Sarim, i quali hanno provveduto alla raccolta di tutti gli ombrelloni e delle altre attrezzature da mare che erano state lasciate incustodite sull’arenile, stato di cose che si configura come occupazione abusiva di demanio marittimo. In virtù dell’ordinanza firmata dal sindaco Adamo Coppola lo scorso 9 luglio, gli ombrelloni e le altre attrezzature lasciate sulla spiaggia libera oltre il tramonto vengono considerate rifiuti e come tali vengono raccolti e avviati a recupero/smaltimento.

I controlli

Nella serata di ieri, invece, si è svolta un’altra operazione, che ha visto impegnati gli agenti della Polizia Municipale di Agropoli, tesa soprattutto al controllo delle attività commerciali gestite da indiani, pakistani e soggetti originari del Bangladesh. All’esito degli stessi, sono stati sanzionati i titolari di cinque attività presenti tra il centro cittadino, via Mazzini e la periferia, per indebita occupazione di suolo pubblico (art. 20 del Codice della Strada). La sanzione ammonta a 169 euro per ogni commerciante non in regola. La documentazione sarà ora trasferita all’ufficio Attività economiche e produttive del Comune che produrrà richiesta agli esercenti multati, di ripristino dello stato dei luoghi. In caso contrario, il sindaco Coppola procederà ad ordinanze di chiusura ad hoc delle attività fino all’attuazione del ripristino. Sono in corso ulteriori accertamenti volti a chiarire la posizione delle persone oggetto di controllo, al fine di verificare l’effettivo possesso del permesso di soggiorno, che giustifichi la presenza delle stesse su territorio italiano.

Il sindaco Coppola:

«L’immagine del decoro urbano e il rispetto delle regole per noi sono fondamentali. Il blitz di questa mattina e i controlli di ieri sera sono tesi a contrastare pratiche che, oltre ad essere irrispettose della legge, si configurano come danno di immagine per la nostra città. Tali controlli andranno avanti anche nei prossimi giorni, allo scopo di ripristinare l’ordine e il rispetto della legge».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Baronissi: morto un 21enne, un arresto per guida in stato di ebbrezza

  • Agropoli, rubata la salma di Pasquale Picariello: familiari sotto choc

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Morte di Melissa La Rocca, le parole della sua prof a una settimana dalla tragedia

Torna su
SalernoToday è in caricamento