Agropoli, nasce il "Covid Hospital": gli appelli di Marciano e Spinelli

Il sindaco Coppola sente i responsabili regionali della sanità ed incontra i sindaci del territorio. Ma si attende ancora l'ok definitivo da Palazzo Santa Lucia

L'ospedale di Agropoli

“Ci sono tutte le condizioni affinché Agropoli possa offrire la disponibilità di un Covid Hospital”. Ad annunciarlo, sul suo profilo Facebook, è il sindaco Adamo Coppola che, in giornata, ha sentito telefonicamente i responsabili regionali del comparto della sanità; poi ha svolto un sopralluogo presso il nosocomio agropolesi ed infine un incontro con tutti i sindaci del comprensorio. “I dati dell’ufficio tecnico ci danno grande slancio. In questo momento il nostro ospedale potrebbe dare un numero di 34 posti di terapia intensiva a pressione negativa. In Campania ce ne sono pochissimi e così concentrati in una sola struttura sanitaria credo che non ce ne siano. E in più altri 48 posti standard per i pazienti che rappresentano i sintomi. Un’occasione d’oro per dare una risposta al nostro territorio in termini di sanità, sicurezza ai nostri concittadini e una possibilità al nostro Governatore che potrà dare soddisfazione ai cittadini del sud della provincia di Salerno”. Ora non resta che attendere che dalle parole si passi ai fatti.

La mossa di Spinelli

Riaprire l’ospedale di Agropoli per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. È questa la richiesta fatta dal sindaco Costabile Spinelli, attraverso una lettera indirizzata alla presidenza della Regione Campania e inviata, per la sottoscrizione, a tutti gli altri sindaci del territorio. “Non possiamo più aspettare vista la carenza di strutture sanitarie in questo territorio. In questa fase di emergenza sanitaria quello di Agropoli rappresenta un punto di riferimento per un’area vastissima, la battaglia è quindi comune, anche perché i costi per attivare i posti di terapia intensiva nell’ospedale di Agropoli sono irrisori se paragonati a quello che si prevede di investire per questa emergenza. Faccio un appello accorato, e sono sicuro che troverà immediato riscontro, a tutti i sindaci del territorio affinché sottoscrivano questa richiesta urgentissima per la salvaguardia della salute dei cittadini”.

L’appello di Marciano

Sulla questione interviene anche il consigliere comunale di Laureana Cilento Raffaele Marciano: “L'ospedale di Agropoli si apra al di là dell'emergenza del Covid 19. Voce fuori dal coro quella del consigliere comunale di laureana Cilento in ordine alla richiesta di riapertura dell'ospedale di Agropoli quale centro per la gestione sanitaria dell'emergenza Covid 19. Fermo restando che le strutture presenti sul territorio regionale sono e resteranno sempre a disposizione delle Regione Campania per qualsiasi utilizzo ritenuto necessario. Ad Agropoli c'è bisogno di un Pronto Soccorso attivo e funzionante per le emergenze quotidiane dovute alla vastità territoriale del comprensorio. Io non dimentico chi ha perso la propria vita dopo 30 minuti e più di percorrenza per raggiungere l'ospedale più vicino. La riapertura dell'Ospedale di Agropoli deve avvenire nonostante l'emergenza del Covid 19, lo dobbiamo alla nostra gente e ai nostri figli, il nostro non è un capriccio di un territorio!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

Torna su
SalernoToday è in caricamento