menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agropoli senza un canile: parte la petizione per salvare i randagi

Destinatarie dell’iniziativa sono le istituzioni locali, invitate pubblicamente a porre fine alla loro indifferenza verso questa situazione ogni giorno più problematica

Non è più possibile tenere a bada da soli il randagismo lottando ogni giorno per trovare stalli di fortuna e curando gli animali presso le proprie abitazioni o in piccoli spazi offerti da amici”. Con queste parole i volontari di Agropoli raccontano, nella petizione aperta su Firmiamo.it dalla presidente dell’associazione Aacli Antonella Riviello, la grave situazione in cui versa la città turistica del Cilento. Destinatarie dell’iniziativa sono le istituzioni locali, invitate pubblicamente a porre fine alla loro indifferenza verso questa situazione ogni giorno più problematica.

Gli episodi che hanno portato alla nascita della petizione sono diversi: intere cucciolate lasciate tra i rifiuti nelle discariche, cani e gatti adulti abbandonati perché malati e altri “che portano addosso i segni dell'intolleranza umana verso la loro specie”. La maggior parte degli animali recuperati per strada hanno poi bisogno di cure, spesso costose, a cui i volontari provvedono senza badare a spese. Ma una volta salvati, dove possono essere sistemati se un canile – gattile, o altra struttura idonea, non esiste?

Per questa ragione i volontari di Agropoli mettono in chiaro la disponibilità delle loro braccia e del loro operato per continuare a salvare i cani e gatti abbandonati, ma per andare avanti hanno bisogno anche dell’appoggio delle istituzioni per realizzare una struttura idonea ad ospitare i randagi del territorio. Si legge nella petizione: “Il sogno di avere un canile - gattile che possa tenere i randagi al riparo dalle cattiverie dell'uomo e dai pericoli della strada non è un sogno irrealizzabile. È ora di smuovere l'indifferenza e il sonno perenne delle istituzioni affinché sia la sensibilità e il rispetto per la vita a cambiare il destino di tante anime”. La petizione ha già raccolto oltre 1500 adesioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento