Curiosità ad Agropoli, scoperte le reliquie di San Pietro e Paolo

A scoprirle è stato l’esperto storico Ernesto Apicella alla vigilia della festa dei Santi Patroni

Grande sorpresa ad Agropoli, dove ieri, alla vigilia della festa dei Santi Patroni Piero e Paolo, sono state ritrovate le reliquie dei due Apostoli di Gesù, di cui si sono perse le tracce quasi 150 anni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La curiosità

A scoprirle è stato l’esperto storico Ernesto Apicella. Era il 1875, quando monsignor Giovanni Battista Siciliani preparò l'inventario dei beni custoditi presso la cattedrale di San Pietro e Paolo menzionando per la prima volta un ostensorio di legno foderato d'argento contenente le reliquie dei Santi. Di quell'oggetto sacro non si erano avute più notizie, almeno fino a ieri.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento