Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

"Piantare alberi antismog sul lungomare", la proposta di Casapound

La Foresta che Avanza, branca ecologista dell'associazione Casapound, propone all'amministrazione comunale di piantare alberi antismog sul lungomare al posto delle palme morte: presidi nel week end

Dopo il blitz al cantiere del Crescent con l'affissione di uno striscione (poi rimosso) nel quale si chiedeva un referendum per lasciar decidere ai cittadini sulla realizzazione dell'edificio, La Foresta che Avanza (branca ecologista dell'associazione Casapound) scende in piazza in città per chiedere all'amministrazione comunale di sostituire, sul litorale cittadino, le palme morte con una vegetazione antismog. Casapound sarà in piazza Portanova sabato 17 dalle 18 e in piazza Cavour domenica 18 dalle 10.

“La promozione degli spazi verdi - afferma la responsabile provinciale Leda Tortora - nel contesto urbano non deve essere vista più solo come puro elemento decorativo ma come fattore di incremento del benessere e della qualità della vita. Negli spazi aperti come giardini o strade cittadine, le piante contribuiscono a ridurre gli effetti dello smog assimilando monossido di carbonio, anidride solforosa, biossido d’azoto e polveri sottili e attenuando il rumore del traffico”.

Leda Tortora elenca quindi una serie di piante che potrebbero essere adatte allo scopo: “Le specie più indicate per depurare l’aria in città sono i platani, i tigli, i pini, le acacie, i cedri, i lecci e alberi da siepe come il lauro, il pitosforo e i ligustro. Chi usa territorio e costruisce opere è giusto che ripari all’inquinamento. Piantare un albero è un atto dall’alto valore simbolico e, allo stesso tempo, di concreto impegno civile”.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Piantare alberi antismog sul lungomare", la proposta di Casapound

SalernoToday è in caricamento