menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alberi monumentali, presto un albo regionale: interviene il Codacons

I Comuni italiani, entro il 31 luglio 2015, avrebbero dovuto effettuare il censimento degli alberi monumentali ricadenti nel territorio di propria competenza

Il 23 ottobre 2014 il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha emanato un decreto per istituire un elenco degli alberi monumentali d’Italia. I Comuni italiani, entro il 31 luglio 2015, avrebbero dovuto effettuare il censimento degli alberi monumentali ricadenti nel territorio di propria competenza; entro il 31 dicembre di questo stesso anno, le Regioni dovrebbero poi provvedere a redigere gli elenchi sulla base delle proposte provenienti dai Comuni.

"Ma cosa si intende per «albero monumentale?" si domanda il responsabile del Codacons del Vallo di Diano Roberto De Luca che spiega: "Un albero monumentale è un albero ad alto fusto isolato o facente parte di formazioni boschive naturali o artificiali ovunque ubicate ovvero l’albero secolare tipico, che possa essere considerato come raro esempio di maestosità e longevità, per età o dimensioni, o di particolare pregio naturalistico. I filari e le alberate di particolare pregio paesaggistico, come quelli inseriti nei centri urbani, possono ricadere entro questa definizione. Infine, possono essere considerati monumentali gli alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze storiche private". 

Per questo De Luca spero spera che "i Comuni del Vallo di Diano abbiano tutti approntati gli elenchi relativi agli alberi monumentali del comprensorio, dando così prova di sensibilità nei confronti dei beni ambientali e paesaggistici del nostro territorio. Sarebbe bene che le stesse Amministrazioni rendessero noti ai cittadini - a mezzo stampa - gli elenchi degli alberi monumentali reperiti sul territorio di propria competenza. La stampa - aggiunge - potrebbe farsi parte attiva nel rendere questo servizio di informazione, di spiccata valenza sociale e culturale, ai cittadini. In questo modo il cittadino potrebbe apprezzare, dai dati che verranno forniti, la sensibilità di ciascuna Amministrazione nei confronti dei beni ambientali di pregio presenti sul territorio.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento