rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Siano

Allarme alcol: nuovo episodio vandalico a Siano, l'Aicat commenta i dati

Ennesimo episodio vandalico, questa volta a Siano, ad opera di un 31enne sotto l'effetto di alcol. Intanto, Baselice si interroga sui provvedimenti per chi guida in stato di ebbrezza

Ennesimo episodio vandalico, questa volta a Siano. Proprio lì, un 31enne con precedenti, nei giorni scorsi, ha distrutto sei fioriere comunali e diversi specchietti di auto in sosta in via Vittoria e via Zambrano: era ubriaco. E' stato denunciato, dunque, il giovane, a seguito delle indagini dei carabinieri. Intanto, a proposito dei danni dell'alcol, il presidente dell'Aicat, Aniello Baselice ha commentato l'ultimo dato sulle denunce per chi guida dopo aver bevuto.

Risultano 3645, infatti, i condannati per guida in stato di ebbrezza che stanno scontando la propria pena con  “lavori di pubblica utilità”, al posto del carcere o di una pesante ammenda. “Il massiccio ricorso a tale strumento- si legge sul sito dell'Aicat- ci spinge come Aicat a chiederci se i lavori di pubblica utilità per automobilisti sanzionati per guida sotto effetto di alcol, siano usati come una buona risorsa per smuovere le coscienze e modificare comportamenti sbagliati nel loro rapporto con le bevande alcoliche”.

“In particolare-continua il presidente - ci poniamo e poniamo ai Ministeri competenti (Trasporti, Interni, Welfare) le seguenti domande: quanti di tali automobilisti condannati hanno la possibilità di partecipare a programmi di sensibilizzazione come quelli ad esempio proposti dalle Associazioni locali dei CAT in collaborazione con i servizi o esperienze di conoscenza di attività svolte da strutture sanitarie di emergenza o socio-riabilitative? Esiste un elenco nazionale o presso ogni regione di associazioni ed enti competenti nella prevenzione algologica presso cui inviare chi è condannato ai sensi dell’art.186 del CdS.? Quanti di coloro che beneficiano dei LPU fanno invece i bibliotecari, i giardinieri o gli applicati di segreteria presso enti o associazioni che poco o addirittura nulla hanno a che fare con la prevenzione dei problemi alcolcorrelati? “ Interessanti, dunque, gli interrogativi posti da Baselice sulla qualità e sull'efficacia dei programmi educazionali messi in campo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme alcol: nuovo episodio vandalico a Siano, l'Aicat commenta i dati

SalernoToday è in caricamento