menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, negativi test su casi sospetti nel Salernitano: resta l'allerta

A Cava è ripresa l'attività all'interno del Pronto Soccorso dell'ospedale "Santa Maria dell'Olmo". I due salernitani tornati, di recente da Lodi, si sono autoisolati in casa. Una scuola di Salerno annulla la gita degli studenti a Milano

Resta alta la tensione, anche in provincia di Salerno, sui sospetti casi di Coronavirus. E' tanta la preoccupazione delle famiglie, alle luce anche dei primi morti in Lombardia.

I casi negativi

Per fortuna non è stato contagiato il bimbo di 3 anni che, ieri pomeriggio, è stato trasferito dall'ospedale di Cava de' Tirreni al Cotugno di Napoli, centro di riferimento regionale per l'emergenza. E' negativo, infatti, il test per il contagio da Covid-19. Intanto, nella notte appena trascorsa, è ripresa l'attività del pronto soccorso del presidio ospedaliero cavese Santa Maria Incoronata dell'Olmo, sospesa proprio in attesa della diagnosi sul piccolo paziente. Negativi anche i test sui tamponi dei due salernitani che, dopo un periodo trascorso di recente a Lodi, avevano deciso di presentarsi al pronto soccorso dell’azienda ospedaliera universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” per verificare un eventuale contagio e che si sono comunque autoisolati in casa.

La scuola

Intanto cresce l’allerta anche nelle scuole. L’istituto “Trani” di Salerno, infatti, ha deciso di annullare, per precauzione, il viaggio a Milano degli studenti dell’indirizzo “Ottica” previsto per il 29 febbraio prossimo. Altri strutture scolastiche potrebbero prendere la medesima decisione.

L'intervista al direttore Di Mauro

L'appello di De Luca

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento