Altavilla, la tariffa per il trasporto scolastico ridotta del 33% per chi ha tanti figli

Il sindaco Marra: "Per venire incontro ai nostri cittadini, soprattutto coloro che vivono in nuclei familiari numerosi, abbiamo pensato a questa riduzione sulle tariffe sborsate dalle famiglie"

Via libera alla riduzione del 33% della tariffa sul trasporto scolastico per chi ha più di tre figli. E’ questa la proposta approvata dall’amministrazione comunale di Altavilla Silentina, guidata dal sindaco Antonio Marra, in modifica all’attuale regolamento comunale in materia. Per le famiglie residenti su territorio altavillese, che hanno almeno tre figli che usufruiscono del servizio di trasporto scolastico, verrà detratto il 33% da ogni singola quota versata mensilmente. “La proposta – afferma il primo cittadino  – è stata avanzata ed approvata all'unanimità nell’ultima seduta di consiglio comunale, in seguito alle tante richieste ricevute dal nostro ente, motivate da disagi economici e problematiche familiari. Per venire incontro ai nostri cittadini, soprattutto coloro che vivono in nuclei familiari numerosi, abbiamo pensato a questa riduzione sulle tariffe sborsate mensilmente dalle famiglie “.

Il regolamento comunale per il trasporto pubblico prevede già agevolazioni del 50%, per tutti gli utenti, per i mesi di giugno e settembre  e la completa esenzione per gli alunni portatori di handicap certificato con percentuale di invalidità uguale o superiore al 74%

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Salerno usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Dramma allo stadio Arechi, durante la partita: tifoso cade nel fossato

  • "Ecco perchè picchiavo mia moglie": il racconto-choc di un salernitano alla Rai

  • Furibonda lite in strada tra avvocatesse, a Pagani: la denuncia

  • Nuova allerta meteo in Campania: ecco le previsioni

  • Scossa di terremoto 2.7 a Romagnano al Monte: nessun danno

Torna su
SalernoToday è in caricamento