rotate-mobile
Cronaca

Ambulanti illegali in centro, l'Anva annuncia: "Ora basta, occuperemo il lungomare"

Gli esponenti dell'Anva Confesercenti contro il Comune di Salerno: "Perchè gli ambulanti illegali possono stare su Corso Vittorio Emanuele, Centro Storico e Lungomare e noi no?"

Gli aderenti all’assocazione Anva-Confesercenti di Salerno tornano ad esprimere la loro posizione in merito alla situazione del commercio ambulante in città per la presenza costante di abusivi campani ed extra-comunitari che vendono merce contraffatta sul lungomare cittadino. “Ancora una volta, per l’ennesima stagione estiva – dichiarano – il lungomare di Salerno è terra di conquista di molti abusivi provenienti da tutta la Campania intendi a vendere merce di contraffazione. Questa attività illegale è promossa soprattutto da extracomunitari, che di fatto sono diventati i padroni incontrastati dei luoghi così detti “salotti buoni della città”, insomma hanno occupato i luoghi che ogni ambulante italiano spererebbe di avere autorizzato: il corso Vittorio Emanuele, il centro storico ed infine il Lungomare".

Tutti luoghi – ricordano gli esponenti dell’Anva Confesercenti - a cui l’amministrazione nega ogni autorizzazione agli ambulanti italiani in regola, ma permette agli extracomunitari di vendere facilmente, e soprattutto, vendere merce contraffatta. Questa situazione oramai è al limite, non solo i negozianti e gli ambulanti la denunciano quotidianamente, sono forti i gridi d’allarme lanciati nei confronti del Prefetto, del Questore e delle forze dell’ordine, compreso i vigili urbani di Salerno, e per tutta risposta quest’anno, sono spariti ogni tipo di servizio di vigilanza al fine di arginare questo fenomeno criminoso”.

Poi ricordano come  “la contraffazione è un reato penale per chi detiene il materiale, per chi acquista sono previste delle multe che vanno da 100 a 7000 euro, inoltre toglie soldi all’economia legale, ogni giorno questi criminali tolgono ben 50 mila euro difatti stanno impoverendo l’economia locale, e molti negozi ed ambulanti di scarpe, borse, abbigliamento ed abbigliamento sportivo sono con l’acqua alla gola se non addirittura stanno chiudendo con una perdita considerevole di posti di lavoro. Ma oltre questo c’è un vero e proprio schifo e degrado in cui hanno trasformato il lungomare, con tappeti messi sulle ringhiere, il restringimento della carreggiata dove si passeggia, tanto che la gente deve fare un vero e proprio percorso ad ostacoli”.

L’Anva - Confesercenti gli ambulanti ad essa aderenti hanno deciso che “è il momento di dire basta, in questa settimana verranno inviati volantini in tutta la provincia per invitare tutti gli ambulanti ad aderire ad una clamorosa protesta, cioè quella di occupare da venerdì 18 luglio il lungomare di Salerno, anche a costo di scatenare un problema di ordine pubblico, siamo pronti a far prevalere le ragioni del nostro disagio quotidiano, sperando che in questi giorni vengano presi dei seri provvedimenti al fine di farci recedere dall’attuare la nostra protesta”.

Intanto hanno chiesto in modo ufficiale alla presidenza regionale e nazionale di portare il caso Salerno all’attenzione del Ministro all’Interno e delle Finanze, oltre che all’opinione pubblica. “Siamo certi che – concludono - alle nostre proteste si assoceranno non solo tutte le sigle sindacali, ma anche tutti i commercianti del centro cittadino”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulanti illegali in centro, l'Anva annuncia: "Ora basta, occuperemo il lungomare"

SalernoToday è in caricamento