menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Ambulatorio veterinario a Giffoni Sei Casali: il bilancio di Asl e Comune

Sono stati 24 mesi di duro lavoro e impegno con l’applicazione di ben 660 microchip agli “amici a quattro zampe”, la sterilizzazione di 120 tra cani e gatti di tutto il territorio di riferimento

A due anni dalla nascita dell’ambulatorio veterinario, l’Asl Salerno e l’Amministrazione comunale di Giffoni Sei Casali tracciano un bilancio sulle attività svolte. I numeri degli interventi effettuati dal veterinario dottor Gerardo Bisogno in servizio presso l’ambulatorio di via Capocasale dimostrano che il servizio è sempre più necessario e indispensabile per l’assistenza agli animali domestici. Sono stati 24 mesi di duro lavoro e impegno con l’applicazione di ben 660 microchip agli “amici a quattro zampe”, la sterilizzazione di 120 tra cani e gatti di tutto il territorio di riferimento che comprende i comuni: Acerno, Giffoni Sei Casali, Giffoni Valle Piana, Montecorvino Rovella, Castiglione del Genovesi, San Mango Piemonte e San Cipriano Picentino. Gli interventi sono stati effettuati in perfetta sintonia con le disposizioni adottate dalla Regione Campania e volte a promuovere e a tutelare il rispetto ed il benessere degli animali d'affezione oltre che a prevenire il randagismo. Un fenomeno questo in parte arginato con l’adozione da parte della Comunità di Giffoni Sei Casali di ben 7 cani senza padrone,diventati così “cani di quartiere”, mentre i cani randagi che hanno trovato una nuova famiglia sono ad oggi 14.  

I commenti 

"I servizi offerti alla comunità – afferma il sindaco Francesco Munno - mirano al benessere degli animali e puntano a combattere il loro deprecabile abbandono.  Ringrazio fortemente l’Asl Salerno che in questi anni, attraverso la sinergia e il sostegno del direttore distrettuale Asl 68 Gerardo Paraggio e del dottor Gerardo Bisogno, direttore sanitario in servizio presso l’ambulatorio di Giffoni Sei Casali, ha svolto un ottimo lavoro che certamente continuerà nel tempo". "Rinnovo i ringraziamenti al Sindaco Munno e all'Amministrazione per la grande sensibilità mostrata al riguardo del fenomeno randagismo - commenta il direttore distrettuale Asl 68 Gerardo Paraggio che annuncia: Il mio impegno con il dottor Bisogno, sarà quello potenziare l’ambulatorio con l'intento di ottimizzare l'espletamento di tutte le attività istituzionali previste. In questi giorni si è conclusa da parte della A.S.L. la gara di affidamento del Servizio di "Accalappiamento cani e gatti randagi, sinantropi e fauna selvatica sul territorio della A.S.L. Salerno" per cui spero che a breve si possa attivare il servizio che rappresenta la chiusura del cerchio relativa al fenomeno randagismo e soccorso animali feriti".  

"Un lavoro duro ma ricco di soddisfazioni svolto gomito a gomito con il dottor Gerardo Bisogno, sempre disponibile ad ogni iniziativa da me proposta - sottolinea l’Assessore Stefania Grimaldi. Con l’associazione U.N.A. di Carmine Longo, nostra stretta collaboratrice, con gli amici volontari della Lega del Cane di Salerno che più volte hanno rappresentato un prezioso sostegno e con tutti i volontari di Giffoni Sei Casali che mi hanno aiutato e che mi sostengono nel garantire il benessere dei nostri amici a quattro zampe. L’impegno mio e dell’Amministrazione comunale sarà volto ad azzerare la presenza dei cani randagi ricoverati presso il canile convenzionato promuovendo la loro adozione". "Noi come Provincia - conclude Strianese - ce la mettiamo tutta portandoci avanti su quanto ci compete. La nostra comunità provinciale in questo momento drammatico, sia a livello sanitario che economico e sociale, può e deve guardare più serenamente al proprio futuro. Collegare bene l’aeroporto significa permettere la corretta integrazione con il territorio, con conseguente ripresa economica delle attività turistiche e dell’accoglienza, delle attività agroalimentari e artigianali, di tutte le PMI di cui è ricco il nostro tessuto economico. Sarà valorizzato il nostro enorme patrimonio culturale e paesaggistico. Lavoro e sviluppo quindi, per cui dobbiamo essere fiduciosi. Noi come Provincia ci siamo, vicini alle nostre comunità, alle donne e agli uomini con le loro esigenze concrete.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento