Angri, sottraggono due auto poi pretendono soldi per restituirle: chiesto il giudizio

L'episodio risale ad agosto 2013, a seguito dell'acquisto di un furgone da un concessionario di San Valentino Torio, con una successiva disputa legata alla mancata consegna dei documenti dal venditore

Rischia il processo con l'accusa di rapina in concorso ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni un angrese, accusato di aver commesso una serie di reati nei confronti del titolare di una rivendita di autoveicoli

Il fatto

L'episodio risale ad agosto 2013, a seguito dell'acquisto di un furgone da un concessionario di San Valentino Torio, con una successiva disputa legata alla mancata consegna dei documenti dal venditore. Insieme all'imputato vi era anche un complice, giudicato a parte, finito poi arrestato in flagranza di reato. I due si sarebbero impadroniti di una Lancia e di una Opel, della concessionaria del venditore. Poi arrivarono le minacce, con la richiesta di 1500 euro per restituire le due auto, sistemate in un garage ad Angri. Questo accadde tra il 21 e il 23 agosto di quello stesso anno. Una volta giunta la somma in denaro, però, i due finirono nella rete dei militari, a seguito della denuncia del rivenditore che aveva raccontato quanto subito ai carabinieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Covid-19: muore un 34enne ad Agropoli, nuovi casi a Caggiano e Pagani

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento