menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scarico di rifiuti illegittimo al cimitero di Angri, dipendente a giudizio

E' accusato di abbandono incontrollato di rifiuti all’interno del cimitero comunale un uomo, all'epoca dei fatti responsabile dell’ufficio promozione e sviluppo territoriale e dell’ufficio cimiteriale

E' accusato di abbandono incontrollato di rifiuti all’interno del cimitero comunale di Angri un uomo, all'epoca dei fatti responsabile dell’ufficio promozione e sviluppo territoriale e dell’ufficio cimiteriale, nell’ambito dell’attività dell’ente, atteso ora dal processo fissato con decreto di citazione diretta a giudizio. Il processo è stato fissato per il prossimo 19 marzo, in sede monocatica. L'accusa è la violazione del decreto legislativo 152 del 2006, che disciplina violazioni in materia di rifiuti e di tutela dell’ambiente, per la presenza rilevata dall’autorità giudiziaria di «un deposito di rifiuti in stato di abbandono, consistenti in resti di bare in legno prodotte dalle diverse esumazioni, in tre cassoni scarrabili, un cumulo di terreno con materiale di risulta, quali resti di marmo e mattoni, esposti alle intemperie, con conseguente infiltrazione delle acque reflue nel sottosuolo», all’interno del cimitero comunale

Le indagini

L'attività fu condotta dai carabinieri del gruppo territoriale di Nocera Inferiore e dei Nas all’interno dell’area del cimitero di Angri, con il sequestro dei materiali. Operazioni che riguardavano il controllo e la verifica dello stato dei luoghi, con una ulteriore fase di approfondimento relativa ad altri, diversi illeciti consumati con circostanze più gravi, divenute nel tempo materia di separate indagini investigative, alcune definite nelle ultime settimane dal tribunale di Nocera Inferiore, per giri di favori, falsi e truffe legate ai cambi di residenza connesse alle sepolture. Nel caso specifico, il dipendente è accusato viste le proprie funzioni nell’ambito del ruolo di dirigente comunale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento