Calci e pugni ai genitori per comprare la droga, finisce a processo un 40enne

L’imputato risponde di tentata estorsione continuata, commessa per futili motivi collegati all’acquisto di sostanze stupefacenti

Sarà processato dopo una lunga serie di estorsioni e atti intimidatori compiuti in famiglia un 40enne nocerino, accusato di aver aggredito i genitori, diventati destinatari di continue richieste di denaro per comprare droga. «Ti devo accoltellare, ti devo uccidere nel sonno»: così minacciava il figlio la propria madre, colpevole di non acconsentire alle sue richieste di denaro e a quegli atteggiamenti violenti, destinati anche al padre

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le accuse

L’imputato risponde di tentata estorsione continuata, commessa per futili motivi collegati all’acquisto di sostanze stupefacenti. «Se non aprite la porta - minacciò l'uomo rimasto chiuso fuori casa - sfondo tutto, butto la benzina da dentro e vi accendo, se non mi date i soldi vi fate un brutto Natale, vi faccio chiamare i carabinieri tutti i giorni». Queste alcune delle parole finite nel capo d'imputazione della procura. I fatti, commessi dal settembre 2018 ed oltre, comprendono un referto di lesioni riportate dalla madre dell'imputato. Ma violenza sarebbe stata usata anche nei confronti del fratello. Gli episodi contestati e finiti nella denuncia sono numerosi: dai calci ai pugni sferrati contro la famiglia, al danneggiamento della porta d'ingresso dell'abitazione delle vittime. Nel novembre del 2018, invece, il 40enne minacciò la madre di "aprirle la testa". Una volta sfondata la porta, dopo che la famiglia si oppose nel farlo entrare, l'uomo intimò al padre e alla madre di consegnare il denaro per poter comprare la droga. Nel processo che si celebrerà a Nocera Inferiore, tutta la famiglia dell'imputato risulta parte offesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

  • Dramma a Baronissi, uomo si suicida in casa: il cordoglio di Valiante

Torna su
SalernoToday è in caricamento