Angri, nuova escalation di furti: razzia di statue di Madonne e Padre Pio

Non si fermano gli episodi di micro criminalità nel comune dell'Agro Nocerino. Il problema è tale che il consiglio comunale ha inserito tra gli ordini del giorno la "questione sicurezza". I colpi consumati nei pressi di zone residenziali

Nuovi furti nel comune di Angri. Con un allarme sicurezza che desta sembre più preoccupazione, diversi cittadini hanno segnalato nei giorni scorsi diversi episodi relativi a furti di statue di santi e madonne, circoscritti perlopiù all'ingresso di diverse palazzine. Le effige sottratte rappresentano le figure di Gesù, Padre Pio, ma anche del santo patrono. Gli oggetti, con un valore non molto elevato, fanno tuttavia gola al mercato nero essendo il materiale della refurtiva in rame e ottone. L'allarme micro crimanilità resta tuttavia alto: la scorsa settimana un nuovo furto è stato consumato in un'abitazione in via Orta Longa. A riguardo, il 12 aprile il consiglio comunale cercherà di mettere in campo azioni ed idee per contrastare l'escalation di furti che si registra oramai da mesi sul territorio. A chiedere che l'argomento venisse inserito tra gli ordini del giorno erano stati alcuni consiglieri di opposizione. La richiesta è la diretta conseguenza di un numero sempre maggiore di furti e rapine che negli ultimi mesi ha costretto alcuni residenti di quartiere ad organizzarsi anche in ronde notturne

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ceraso e Montano Antilia: stop a eventi e chiusura dei negozi

  • Coronavirus: nuove indicazioni ministeriali in Campania, parlano i sindaci salernitani

  • "Non comunicano i loro rientri dal Nord": la denuncia dei salernitani e l'appello di un cittadino "autoisolato"

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Malore per una ragazza asiatica a Salerno, tensione nei pressi del Vestuti

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

Torna su
SalernoToday è in caricamento