Angri a lutto: il ricordo di Gianfranco Campolo, vittima del Covid-19

Commuovente, anche la lettera del Gruppo Angri 2 dell'associazione Guide e Scout cattolici

Campolo

Angri a lutto, per la morte di Gianfranco Campolo, vittima del Covid-19. "Uomo, Amico, Padre e Marito Esemplare. Un abbraccio a Barbara", ha commentato oggi il sindaco Cosimo Ferraioli che ha proclamato il lutto cittadino per la giornata di oggi. Il professionista angrese aveva 48 anni ed era stato il primo a risultare affetto dal virus in città. Dopo i primi accertamenti all'ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore era stato ricoverato al Ruggi d'Aragona di Salerno. Purtroppo, non ce l'ha fatta, lasciando un vuoto incolmabile a chiunque lo conoscesse.

La lettera del Gruppo Angri 2  dell'associazione Guide e Scout cattolici:

Carissimo Gianfranco, 

ci hai lasciato nel giorno di Pasqua! Un giorno che, a memoria d’uomo, sarà ricordato come la Pasqua del coronavirus!  Nel futuro, forse, sarai associato a questa solennità, non con la tua identità ma, come prima vittima di questo inatteso e immane flagello. Noi, oggi, ti vogliamo ricordare quale cittadino di questa amata Angri, con la tua storia, dove, la conoscenza ci abilita, non all’esagerazione ma, a renderti dovuta testimonianza Lo facciamo perché la tristezza di questo morire in tempo di Covid-19 ti ha privato, prima, dell’aver accanto a te, tua figlia Alessia a darti sostegno nella lotta e, conforto di una carezza nell’ora buia del tuo morire. Per l’estremo saluto sei stato privato anche della presenza delle persone a te care, dei parenti, degli amici, della numerosa schiera di  coetanei di tua figlia Alessia. Una presenza che, resta pur sempre il più comprensibile linguaggio umano all’indescrivibile dolore. Hai potuto avere solo una ristrettissima presenza familiare ed una mano benedicente del sacerdote che, ti hanno accompagnato all’immediatezza del seppellimento, avvenuto nell’ancora luce di Pasqua. Che indescrivibile tristezza! A questa, stamane, si unisce l’unanime dolore della nostra Città, chiusa per il decretato lutto cittadino,  per consegnarti l’addio di un intero popolo. E’ questo silente dolore che, interpella con l’antica e sempre attuale domanda: perché ? E’ un dolore che sale al cielo con lo stesso grido del Cristo, morente sulla croce: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato ?”  E’ un dolore che, si apre alla nostra preghiera, caro Gianfranco, nella fedeltà al tuo credo religioso, della cui testimonianza, noi Scout, avendoti avuto con noi, ne siamo testimoni.  Caro Gianfranco, con la presente intendiamo consegnare ai molti che ti conoscono i valori umani, sociali e religiosi che hanno vestito il tuo vivere. Il garbo relazionale con tutti, accompagnato dalla dolcezza di un” contagioso” sorriso, la disponibilità nel renderti utile, valori acquisiti nella tua stagione formativa scout, l’hai trasferiti nella quotidianità. La tenacia nel perseguire mete professionali e sogni giovanili l’hai concretizzata nel titolo accademico e nel matrimonio con Barbara. Un’armonia familiare, allietata dalla nascita di Alessia.

Un’armonia che, pur privata dall’improvvisa morte di Barbara lo scorso anno, ha aperto il dolore alla  promozione di attività per la conoscenza di malattie rare, unitamente al nascosto sostegno in merito. Un dolore non chiuso in sé, ma aperto alla solidarietà; una lezione che non dimenticheremo. Per queste ragioni, espressi nei valori indicati, la Comunità Capi del Gruppo Scout Angri 2 consegna la presente al popolo di Angri perché lo ricordi come un ragazzo solare, buono, sorridente unitamente alla sua indiscussa professionalità. Come Capi educatori Scout, affidiamo la presente ad Alessia, nostra Scout, per dirle di essere fiera di aver avuto un padre ed una madre, esempio di bontà, onestà, amorevolezza, religiosità, valori per i quali, dolore e amore, s’illuminano di luce e di eternità.  Le tue lacrime, cara Alessia, sono anche le nostre che, non hanno pretese di asciugarle, se non di farti arrivare la nostra silenziosa ed orante vicinanza, in un abbraccio di tutto il Gruppo Scout.  Carissimo Gianfranco, il morire nel giorno di Pasqua, dopo il tuo lungo Venerdì Santo, sul fondamento della tua e nostra fede cristiana è: essere nella luce del Risorto. Addio! 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

Torna su
SalernoToday è in caricamento