Cronaca Angri

Angri, dipendente reintegrato alla Doria: "Si rispetti la sentenza"

L'appello di Gigi Vicinanza della Cisal provinciale: “Serve un atto di distensione da parte di tutti dopo la decisione del giudice del Lavoro. L'azienda reintegri subito Gaglione non aspettando i tempi tecnici della sentenza”

Il giudice del lavoro di Nocera Inferiore ha reintegrato il dipendente Michele Gaglione presso l’azienda Doria di Angri dopo una battaglia legale durata mesi. A darne notizia è il sindacalista della Cisal provinciale Gigi Vicinanza che esulta: “E’ una pagina di giustizia che va a rincuorare tutti i lavoratori che, in questi mesi, vivono un momento difficile. Adesso però è giusto capire quali sono le reali intenzioni dei vertici aziendali".

La vertenza

Il sindacalista, dunque, lancia un appello alla società: “Adesso c'è bisogno di concertazione tra le parti. Sappiamo che la ditta ha un mese di tempo per reintegrare il lavoratore e sono passate già alcune settimane dalla sentenza. Ecco perché mi auguro che non si aspettino totalmente i tempi tecnici. La Doria è un'azienda seria e va dato atto ai manager che un posto di lavoro non è stato perso dopo la chiusura dello stabilimento di Acerra. Adesso serve un atto di tranquillità, che possa riportare serenità tra le maestranze e chiudere questa pagina. Gaglione ha il diritto di tornare a lavorare quanto prima”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Angri, dipendente reintegrato alla Doria: "Si rispetti la sentenza"
SalernoToday è in caricamento