Rifiuti edili nel Parco nazionale del Vesuvio: denunciato proprietario di Angri

Il cumulo è stato posto sotto sequestro, mentre il proprietario del fondo ora dovrà risponderne davanti alla legge

Scarti edili sversati nel parco nazionale. È stato denunciato alle autorità competenti un 75enne della città di Angri proprietario di un fondo sito nel comune di Ercolano. Il provvedimento è stato effettuato dai carabinieri della stazione “Parco Torre del Greco” . I militari torresi hanno infatti scoperto la presenza un cumulo di circa 1100 metri cubi di terra e rocce, risulta edile, depositato illecitamente. L’ammasso è stato individuato in un terreno insistente sul Parco Nazionale del Vesuvio, in Via novelle di Castelluccio. Il cumulo è stato posto sotto sequestro, mentre il proprietario del fondo ora dovrà risponderne davanti alla legge
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento